Coronavirus, smartworking e imprese, in Sicilia pericolo hackers - QdS

Coronavirus, smartworking e imprese, in Sicilia pericolo hackers

Roberto Pelos

Coronavirus, smartworking e imprese, in Sicilia pericolo hackers

martedì 21 Aprile 2020 - 00:00

Unioncamere: la nostra regione indietro rispetto al Trentino-Alto Adige per sistemi Cloud e Cyberseurity. Albanese (Sicindustria): “Le maggiori difficoltà nei centri minori e nelle aree interne”

PALERMO – L’emergenza coronavirus sta costringendo tutti noi a restare all’interno delle mura domestiche ed è per questo motivo che tra le imprese si sta diffondendo sempre di più il metodo legato allo smart working per dare continuità alla produttività aziendale. Secondo Unioncamere, che a tal proposito ha realizzato un’interessante indagine, su 18 mila imprese che hanno svolto online il test di maturità digitale attraverso i Punti impresa digitali (Pid), quasi quattro aziende italiane su dieci sono dotate di sistemi Cloud, una tecnologia fondamentale per garantire una più agile transizione delle attività svolte all’interno degli uffici in modalità “smart” e tre aziende su dieci sono equipaggiate per proteggere le connessioni da remoto con strumenti di Cybersecurity necessari per garantire sicurezza nella gestione dei dati.

A livello regionale, la Sicilia risulta purtroppo tra le realtà dove le aziende sono meno attrezzate con sistemi Cloud; la nostra terra si attesta infatti al 23%, meglio solo rispetto al Molise (22%), in una graduatoria che vede primeggiare il Trentino-Alto Adige (51%), seguito dalla Lombardia (42%) e dalla Liguria (40%).

Per quel che attiene agli strumenti di Cybersecurity, la nostra regione è addirittura ultima, al 13%, mentre in testa troviamo di nuovo il Trentino-Alto Adige (50%) dopo il quale vengono l’Emilia-Romagna (39%), le Marche e l’Umbria (36%).

Sull’argomento e sulla situazione che sta attraversando la nostra terra, è intervenuto Alessandro Albanese, vice presidente vicario di Sicindustria. “Le imprese siciliane in questa fase di emergenza stanno facendo un grande sforzo per garantire il lavoro anche a distanza – ha sottolineato Alessandro Albanese -. E nonostante i ritardi accumulati sotto il profilo delle infrastrutture immateriali, la Sicilia sta, comunque, nel suo complesso reggendo bene l’onda d’urto. Dico ‘nel suo complesso’ perché, se analizziamo i singoli territori, ciò che sta emergendo con maggiore evidenza è la presenza di un’Isola a due velocità: se nelle tre principali città, infatti, la connessione iperveloce è ormai una realtà per la gran parte della popolazione e delle imprese, nei centri minori e nelle aree interne si registrano le maggiori difficoltà.

Tra l’altro c’è da aggiungere – ha spiegato Albanese – che i lavori per la banda ultralarga si sarebbero dovuti completare quest’anno e che (la beffa oltre al danno) proprio adesso che l’emergenza ci sta costringendo ad un uso massiccio di internet, i cantieri sono fermi o comunque vanno a rilento. Credo comunque e spero, che questa esperienza così traumatica per il nostro tessuto economico e sociale, cambi profondamente il modo di pensare e l’approccio verso le imprese. Finora abbiamo avuto uno Stato avverso. Mi auguro che, d’ora in avanti, – ha concluso il vice presidente vicario di Sicindustria – l’atteggiamento cambi radicalmente e che dal ‘Paese delle carte bollate’ si diventi un ‘Paese dell’innovazione e della produzione’”.

Per quel che riguarda le macro aree, il rapporto di Unioncamere ci dice che le realtà del Nord-Ovest sono maggiormente equipaggiate per sistemi Cloud (40%), seguite dalle regioni del Centro, per le quali si registra il 37%, dal Nord-Est (36%), dal Sud e dalle Isole, che si attestano al 27%. Riguardo alle imprese con strumenti di Cybersecurity, il Nord-Est si trova più avanti (37%), meglio del Nord-Ovest (34%), del Centro (27%) e delle realtà meridionali e insulari per le quali l’indagine in oggetto fa registrare il 17%.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684