Coronavirus, torna in Italia con i rimpatri, chiesti maggiori controlli - QdS

Coronavirus, torna in Italia con i rimpatri, chiesti maggiori controlli

redazione web

Coronavirus, torna in Italia con i rimpatri, chiesti maggiori controlli

lunedì 06 Luglio 2020 - 00:13
Coronavirus, torna in Italia con i rimpatri, chiesti maggiori controlli

Il ministro della Salute Speranza studia la possibilità di estendere i Tso. Ieri calo del numero dei contagi dopo cinque giorni di crescita. Ma risalgono ricoveri. Decine di focolai sparsi a macchia di leopardo nel centronord

Sono decine i focolai di nuovi contagi da coronavirus sparsi un po’ a macchia di leopardo in diverse regioni, per lo più Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Lazio, e l’ultima impennata si è diffusa nella già piagata Lombardia, nei macelli e salumifici del mantovano con 68 positivi.

Dopo cinque giorni di dati in salita, ieri è arrivato un passo indietro con 192 nuovi positivi a fronte dei 235 del giorno prima. Sette le persone che hanno perso la vita rispetto alle 21 di sabato. Risaliti sia pure lievemente, i numeri sui pazienti Covid ricoverati (+21) e in terapia intensiva (+3).

In molti dei nuovi casi c’è un comune denominatore: il virus è di rientro, contratto all’estero e trasportato a casa nostra.

Si tratta di persone positive che fanno rientro in Italia, il più delle volte da paesi extra Schengen dove l’epidemia non è sotto controllo.

Un campanello d’allarme che ha costretto ai ripari: il governatore della Toscana Enrico Rossi ha stabilito il ricovero obbligatorio nei covid hotel per i contagiati che vivono nel sovraffollamento, e da oggi a Roma partono i tamponi a tappeto per la comunità del Bangladesh dove il virus dilaga.

Il governatore del Lazio Nicola Zingaretti chiede tamponi negli aeroporti per i voli da paesi ad alto rischio.

Dopo il caso dell’imprenditore veneto ricoverato a Vicenza in condizioni gravi ma stabili dopo aver in un primo tempo rifiutato le cure nonostante evidenti sintomi di Covid, alle sue spalle una scia di cinque contagiati e 89 persone in isolamento, anche il ministro della Salute Roberto Speranza – sollecitato dal governatore Luca Zaia – sta riflettendo sui trattamenti sanitari obbligatori.

Per ora le norme anticontagio puniscono chi non rispetta la quarantena o diffonde il virus, non chi rifiuta di curarsi.

Sul fronte degli stili di vita, inoltre, preoccupano gli assembramenti e i comportamenti rilassati: nei boschi dell’astigiano, lungo il Tanaro, è stato sgomberato dalle forze dell’ordine un rave party con 400 ragazzi, e Federfarma ha notato un grosso calo nella vendita di mascherine.

E’ dunque al lavoro l’ufficio legislativo del ministro Speranza per verificare il quadro normativo sui Tso.

L’obiettivo è quello di studiare una norma più stringente per la tutela contro il Covid dopo il caso del focolaio veneto.

La verifica tecnica servirà anche di supporto ai sindaci.

“Oggi se una persona è positiva e non resta in isolamento ha una sanzione penale da 3 a 18 mesi di carcere. E c’è una multa fino a cinquemila euro”, ha detto il ministro parlando anche di “test sierologici sulla popolazione scolastica”.
“Sto valutando con il mio ufficio legislativo – ha spiegato Speranza – l’ipotesi di trattamenti sanitari obbligatori nei casi in cui una persona deve curarsi e non lo fa”.

Parere favorevole viene da Andrea Crisanti, il professore di microbiologia dell’Università di Padova tra i primi a capire la gravità dell’epidemia e a fare muro.

“Ogni volta che si mette in pericolo la salute degli altri prevale il bene pubblico, quindi – ha detto Crisanti – penso che il Trattamento sanitario obbligatorio debba essere necessario. Estenderlo al caso del Covid non è una cosa negativa”.

Lo scienziato prevede che tra ottobre e novembre i focolai si intensificheranno e ricorda che “l’Italia non è in una bolla: questa settimana ci sono stati in media circa 200mila casi al giorno nel mondo. È chiaro che siamo esposti a un contagio di rientro o alla riattivazione di focolai di trasmissione che non è stata completamente eliminata”.

Sulla stessa scia è Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani che chiede “una grande attenzione a porti, aeroporti e stazioni. Occorre fare i tamponi a tutti i passeggeri provenienti da Paesi nei quali il virus è in crescita. Non basta rilevare la temperatura o l’autocertificazione”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684