Covid, Farruggio, "Turismo a colori in Sicilia non funziona, basta zone" - QdS

Covid, Farruggio, “Turismo a colori in Sicilia non funziona, basta zone”

Luigi Ansaloni

Covid, Farruggio, “Turismo a colori in Sicilia non funziona, basta zone”

venerdì 30 Aprile 2021 - 11:55

Nicola Farruggio, presidente Federalberghi Palermo e Vice Presidente vicario Federalberghi Sicilia, non è molto ottimista riguarda l'estate che sta arrivando

La stagione estiva è ormai alle porte ma la Sicilia è ancora alle prese con l’epidemia di coronavirus, in maniera tra l’altro nettamente peggiore rispetto ad un anno fa.

Nicola Farruggio, presidente Federalberghi Palermo e Vice Presidente vicario Federalberghi Sicilia, non è molto ottimista riguarda l’estate che sta arrivando: “Il turismo a colori non funziona, la gente viaggia solo se ha la sicurezza che l’epidemia non c’è o che i contagi sono bassi.

Come successo in Sicilia lo scorso anno, ma quest’anno la situazione è peggiore. Le zone hanno dimostrato di non funzionare. Se si fosse chiuso tutto per uno-due mesi, probabilmente ora sarebbe diverso. Per guadagnare poche centinaia di euro, forse in questo modo, non chiudendo, ne abbiamo perse a migliaia”.

Scetticismo anche sulla scelta della quarantena: “L’ordinanza (che è stata rinnovata ieri ndr) prevede tamponi e quarantena, ed è chiaro che un turista prima di venire in Sicilia o ovunque in queste condizioni ci pensa non una ma cento volte. Farsi una vacanza con tamponi e obblighi non è l’ideale. Tra l’altro con questi colori non si sa se un giorno si è rossi e l’altro gialli, e cambia tutto”.

Farruggio lamenta poi una scarsa attenzione per quanto riguarda il settore alberghiero: “Siamo sempre rimasti aperti e abbiamo sempre fatto la nostra parte, ma sento che si parla poco delle nostre problematiche – dice -. Non parlo nemmeno dei ristori, che sono stati in certi casi umilianti nel vero senso della parola

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684