Export, Mezzogiorno resta a galla solo grazie ai prodotti petroliferi - QdS

Export, Mezzogiorno resta a galla solo grazie ai prodotti petroliferi

redazione

Export, Mezzogiorno resta a galla solo grazie ai prodotti petroliferi

domenica 28 Luglio 2019 - 09:00
Export, Mezzogiorno resta a galla solo grazie ai prodotti petroliferi

Osservatorio di Economia e Finanza: bene Siracusa (+17%) e Catania (+16,8%). Nel 2018 il valore è cresciuto del 3,5% toccando i 460 miliardi di euro

ROMA – Cresce del 3,5% il valore delle esportazioni in Italia nel 2018 rispetto al 2017, passate da poco più di 440 miliardi di euro a circa 460 miliardi di euro con performance molto differenziate tra le province italiane e con un quadro più variegato per quelle del Mezzogiorno; il Sud nel complesso ha registrato una crescita del 5,1% grazie, soprattutto, alla crescita del valore delle esportazioni dei prodotti petroliferi raffinati e dei mezzi di trasporto (con questi ultimi in controtendenza rispetto al quadro nazionale: +8,7% rispetto al -0,1% a livello nazionale).

Considerando le prime 10 province del Mezzogiorno per valore delle esportazioni totali, le crescite maggiori si registrano in quelle di Siracusa (+17%), di Catania (+16,8%), di Cagliari (+7,7%) e di Potenza (+5%) mentre, in calo, sono risultate le province di Bari (-1,9%) e Avellino (-7%). A livello nazionale, tra le 10 province più importanti per valore delle esportazioni, sono quelle di Milano (+6,4%), Brescia (+7%%) e Firenze (+8,8%%) a segnare le performance migliori, con Torino (-12,5%) che evidenzia una decisa riduzione.

Sono questi alcuni dei dati che emergono dalla nota economica di sintesi sulle esportazioni delle province italiane condotta dall’Osservatorio di Economia e Finanza, nato a Bari nel 1996 e impegnato in attività di studio, ricerca e divulgazione per favorire lo sviluppo del Mezzogiorno.

In difficoltà, nel Mezzogiorno, il settore dell’agricoltura le cui esportazioni sono diminuite nell’ultimo anno del 7,6% (amplificando la riduzione del 4,9% a livello nazionale) mentre il valore delle esportazioni del settore manifatturiero è aumentato del 5,2% (anche in questo caso una variazione più ampia rispetto alla crescita del 3% a livello nazionale).

Il trend delle esportazioni del settore primario è stato, tra le province più importanti per valore delle esportazioni del Mezzogiorno, particolarmente negativo per le province di Bari (-14,8%), Napoli (-17,9%) e Agrigento (-30,2%) mentre è risultato particolarmente positivo per la provincia di Messina (+12,8%).

Il settore manifatturiero del Mezzogiorno ha beneficiato della forte crescita del valore delle esportazioni delle province di Siracusa (+17,1%), di Catania (+18,5%) e di Cagliari (+7,4%) che hanno più che compensato le leggere difficoltà della provincia di Bari (-0,4%) e quelle più ampie della provincia di Avellino (-7,7%).

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684