Festival delle Istituzioni, prima edizione all'Università di Catania - QdS

Festival delle Istituzioni, weekend di seminari e incontri all’Unict: programma e ospiti

webms

Festival delle Istituzioni, weekend di seminari e incontri all’Unict: programma e ospiti

webms |
giovedì 26 Maggio 2022 - 11:43

Il programma e gli ospiti della prima edizione - dal vivo - del Festival delle Istituzioni all'Università di Catania. Un confronto sul ruolo delle istituzioni e sfide del futuro dal 27 al 29 maggio.

Il Festival delle Istituzioni, dopo il rinvio dello scorso settembre a causa dell’emergenza sanitaria, arriva finalmente a Catania, alla sua prima edizione dal 27 al 29 maggio. Si tratta di un’iniziativa organizzata dalla Scuola Superiore dell’Università di Catania in collaborazione con la società editrice “Il Mulino” e con il patrocinio di Rai per il Sociale.

L’evento intercetta un rinato interesse verso le istituzioni dopo una stagione difficile che, tuttavia, ha ridato loro senso, sottraendole al clima di sfiducia e di estraniamento che le aveva contraddistinte negli ultimi decenni.

Il Festival delle Istituzioni propone a un pubblico non specialista una serie di incontri, lezioni e dialoghi intorno all’idea di Istituzione, nelle sue molteplici declinazioni, a partire dalle sue trasformazioni e dall’impatto sul futuro della politica, dell’economia e della governance delle crisi.

L’importanza dell’evento

Tra i tanti perché sull’importanza di dedicare un festival alle Istituzioni, ne possiamo individuare almeno quattro:

  • Le Istituzioni rappresentano la cerniera attraverso la quale i bisogni della società arrivano alla politica e viceversa. Esse, infatti, garantiscono i presupposti stessi della democrazia, a partire dalla libertà e dall’uguaglianza.
  • In un mondo in cui il divario sociale si è allargato a dismisura e l’economia finanziaria ha modificato profondamente il ruolo del mercato, le istituzioni tornano a ridefinire i rapporti tra politica, economia e diritto.
  • Le grandi sfide del mondo contemporaneo – dal riscaldamento globale alla biodiversità, dell’intelligenza artificiale al rischio nucleare, dalla ridefinizione geopolitica delle aree di influenza al destino dei singoli Stati – richiedono strategie altrettanto globali, un rinnovato protagonismo delle istituzioni internazionali e un dialogo aperto con la società civile.

Si inizierà discutendo della natura e del significato delle istituzioni, con focus sulla loro storia e sulle trasformazioni del presente. L’obiettivo è creare uno spazio pubblico capace di permanere nel tempo e di sollecitare ogni anno idee nuove su prospettive di cambiamento sociale, più giuste e adeguate alle società e alla vita delle generazioni future.

Festival delle Istituzioni: il programma

Per tre giornate a Catania, tra la sede della Scuola Superiore di Catania a Villa San Saverio e il Monastero dei Benedettini di San Nicolò l’Arena e il Centro Universitario Teatrale di Palazzo San Giuliano per concludersi al Cine Teatro Odeon, saranno tanti gli appuntamenti e gli ospiti. Si creerà un dialogo costante tra le grandi voci dell’Accademia e della Ricerca, con la partecipazione anche delle nuove generazioni di studiosi. A moderare tutti gli incontri saranno alcuni giovani, Alumni/ae della Scuola Superiore di Catania. 

Il Festival si apre venerdì 27 maggio alle 17.30 con i saluti di benvenuto della Scuola Superiore dell’Università di Catania nel Refettorio Piccolo delle Biblioteche riunite “Civica e A. Ursino Recupero”, che alle ore 19 sarà anche possibile visitare con una guida messa a disposizione dalle Biblioteche. Alle ore 18 si terrà la prima delle tre Lectiones magistrales in calendario, quella con Roberto Esposito dal titolo “Che cos’è un’Istituzione”, che trae spunto dal libro Istituzione, pubblicato dal Mulino. La prima giornata si concluderà poi alle ore 21 al Centro Universitario Teatrale di Palazzo San Giuliano con la serata musicale a cura del HJO orchestra quintet dal titolo “In a sentimental mood”. 

La seconda giornata del Festival, sabato 28 maggio, interamente ospitata da Villa San Saverio, è aperta alle ore 16 dalla conferenza “Istituzioni e amministrazioni repubblicane: un rinnovato nation building” con Francesco Clementi e Guido Melis in un dialogo moderato da Sara Bellucci, Alumna della Scuola Superiore di Catania. Si prosegue alle 17.30 con Maria Rosaria Ferrarese e Bernardo Sordi impegnati nel dialogo dal titolo “Le istituzioni e il potere tra pubblico e privato”, moderati da Marco Fisicaro, Alumnus della Scuola Superiore di Catania. Ancora sabato 4 settembre alle ore 19 a Villa San Saverio sarà la volta dell’intervento di Antonio Padoa Schioppa, moderato dall’Alumna della Scuola Superiore Maria Antonia Panascì, dal titolo “Le istituzioni oltre lo Stato nazionale: il lungo cammino dell’integrazione europea”.

La seconda giornata si concluderà, infine, con la lectio magistralis di Carlo Galli dal titolo “La necessità della politica”, una riflessione a partire dal suo ultimo libro “Platone. La necessità della politica”, edito per il Mulino nella collana “La voce degli antichi”. 

Terza e ultima giornata del Festival delle Istituzioni sarà domenica 29 maggio. Il primo appuntamento è alle 17 a Villa San Saverio con Paola De Vivo e Gianfranco Viesti, moderati da Cristoforo Grasso, Alumnus della Scuola Superiore. L’incontro ha come titolo “Istituzioni e mercati: ripartire dai territori”.

Alle ore 18.30 l’ultima lectio magistralis in calendario, dal titolo “Scienza e Istituzioni in un mondo che cambia”, è affidata a Gianfranco Pacchioni. Seguirà l’evento conclusivo della prima edizione del Festival della Scuola Superiore di Catania, ospitato al Cine Teatro Odeon con “Quale ricordo per Pier Paolo Pasolini? Risponde Ascanio Celestini”, introdotto e moderato da Stefania Rimini, docente di Cinema, Fotografia e Televisione nell’Università di Catania. 

Festival delle Istituzioni all’Università di Catania: il podcast

Le giornate dal vivo del Festival sono state anticipate dalla messa online di tre podcast sulle più importanti piattaforme con protagonisti Roberto Esposito, Carlo Galli e Gianfranco Pacchioni e la moderazione di Marco Fisicaro, ex allievo della Scuola Superiore di Catania.

Come partecipare

La partecipazione a tutti gli incontri è gratuita, è richiesta la prenotazione online sulla piattaforma Eventbrite. L’accesso alla piattaforma Eventbrite di prenotazione a una o più giornate e/o serate del Festival è disponibile su www.scuolasuperiorecatania.it 

Tutti gli eventi si svolgeranno nel rispetto del distanziamento fisico e di tutte le misure anti-Covid vigenti alla data di svolgimento delle conferenze.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684