Gal “Terre dell’ Etna e dell’’Alcantara”, Comuni e soci privati: "Commissariare ente" - QdS

Gal “Terre dell’ Etna e dell’’Alcantara”, Comuni e soci privati: “Commissariare ente”

web-la

Gal “Terre dell’ Etna e dell’’Alcantara”, Comuni e soci privati: “Commissariare ente”

web-la |
sabato 21 Maggio 2022 - 15:36

«Al termine di un’assemblea dei soci che noi riteniamo illegittima, svoltasi ieri a Pedara e culminata in un nuovo intervento dei carabinieri, una minoranza di soci del Gal “Terre dell’Etna e dell’Alcantara” ha proceduto all’elezione abusiva e antidemocratica di un nuovo Cda dell’ente. Purtroppo, un gruppo di soggetti ben connotati politicamente ha attuato una vera e propria tagliola a danno di una maggioranza presente in aula di oltre 40 soci fra sindaci, enti pubblici e privati, su 73 aventi diritto, che non hanno potuto esprimere liberamente il proprio voto sul rinnovo della governance del Gal».

Lo dichiarano i sindaci di Riposto, Mascali, Viagrande, Trecastagni, Nicolosi, Malvagna, Motta Camastra, Roccella Valdemone, Francavilla di Sicilia, Gaggi, il presidente del Parco Fluviale dell’Alcantara, già maggioranza tra i soci pubblici, e i componenti del Cda uscente del Gal Nunzio Batturi e Angelo Scuderi, il vicepresidente uscente Francesco Sgroi e l’amministratore delegato uscente Emanuele Zappia.

«Fino all’ultimo – proseguono i soci Gal – abbiamo cercato di garantire la regolarità delle procedure, normative alla mano ma prima ancora chiedendo buon senso. A sera inoltrata, poi, abbiamo scelto di abbandonare l’assemblea illegittima per un estremo e forte gesto di protesta contro un atteggiamento incomprensibile, gravemente lesivo della dignità delle istituzioni. Adesso facciamo appello alla Regione Siciliana affinché proceda celermente al commissariamento del Gal Etna-Alcantara. I gravi fatti che denunciamo, peraltro, sono avvenuti sotto l’occhio di ispettori scrupolosamente inviati dal dirigente del Dipartimento Agricoltura Dario Cartabellotta».

«Occorre scongiurare – proseguono sindaci e altri soci – che una governance abusiva del Gal, eletta nel corso di un’assemblea dei soci priva di efficacia, metta a repentaglio la credibilità di un ente che deve, invece, lavorare garantendo partecipazione e trasparenza. Ma anche, occorre evitare che un Cda squalificato e illegittimo proceda all’adozione di atti che sarebbero nulli e che, dunque, metterebbero a repentaglio l’ingente mole di finanziamenti dall’Europa per le imprese del territorio etneo e alcantarino», concludono.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684