Giovanna Zizzo: "Mia figlia uccisa a 11 anni per ritorsione"

Giovanna Zizzo: “Mia figlia Laura uccisa a 11 anni per ritorsione nei miei confronti”

web-mt

Giovanna Zizzo: “Mia figlia Laura uccisa a 11 anni per ritorsione nei miei confronti”

Ivana Zimbone  |
venerdì 25 Novembre 2022 - 07:00

Giovanna Zizzo ha dovuto seppellire nel 2014 la figlioletta Laura Russo e strappare alla morte l'altra figlia, Marika.

Giovanna Zizzo ha dovuto seppellire nel 2014 la figlioletta Laura Russo e strappare dalla morta l’altra figlia, Marika, entrambe accoltellate dal padre a San Giovanni La Punta (Catania). Anche lei ha partecipato all’incontro al Garibaldi – “Donne, storie e violenza: istituzioni, sanità e società per un futuro più sicuro”- portando la propria dolorosa testimonianza.

La morte della figlia Laura Russo e il dolore infinito: la testimonianza di Giovanna Zizzo

“Avevo scoperto che mi aveva tradita per anni – ha raccontato la donna – così, quando ho chiesto una pausa, lui ha deciso di punirmi (…). È stato condannato all’ergastolo, ma abbiamo paura possa uscire prima o poi”.

Ma è possibile che un uomo riesca a uccidere una figlia a coltellate, senza aver mostrato in precedenza alcun campanello d’allarme? “Oggi, dopo 8 anni, col senno di poi, riconosco i campanelli d’allarme che spesso sottovalutiamo perché crediamo che rappresenti la normalità vivere la famiglia in modo irrispettoso, con trascuratezza”, ha spiegato Giovanna Zizzo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER SCARICARE IL NOSTRO DOSSIER SULLA GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLA DONNE

“Io ero vittima di violenza economica, ma non sapevo dell’esistenza di questa forma di violenza. Oggi purtroppo sì e so che i campanelli c’erano. Ovviamente non si va a pensare che questo possa sfociare in qualcosa di così orribile. Bisogna stare molto attenti e non abbassare mai la guardia. Quando si pensa di avere qualche problema, si deve chiedere aiuto, senza rimanere in silenzio come ho fatto io. Bisogna parlarne e farsi aiutare”.

Da allora, senza un lavoro, è dovuta tornare con gli altri suoi tre figli a casa dei genitori: “Le istituzioni non mi hanno aiutata, se non con frasi d’incoraggiamento – ha confessato -. Perché le vittime collaterali di omicidio, tranne che in poche eccezioni come le vittime di mafia, non sono riconosciute”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001