Gregoretti, il quattordici maggio la decisione su Matteo Salvini - QdS

Gregoretti, il quattordici maggio la decisione su Matteo Salvini

redazione web

Gregoretti, il quattordici maggio la decisione su Matteo Salvini

sabato 06 Marzo 2021 - 05:57

In quel giorno il Gup di Catania Nunzio Sarpietro deciderà sul rinvio a giudizio dell'ex ministro dell'Interno. Che il venti marzo dovrà comparire anche davanti al Gup di Palermo, stavolta per la vicenda Open Arms

Ha una data definitiva l’udienza preliminare a Catania sul caso Gregoretti: il prossimo quattordici maggio.

In quel giorno il Gup di Catania Nunzio Sarpietro leggerà, nell’aula bunker di Bicocca, la sua decisione sulla richiesta di rinvio a giudizio per sequestro di persona per l’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini per i ritardi nello sbarco, nel luglio del 2019, di 131 migranti dalla nave della Guardia costiera italiana nel porto di Augusta, nel Siracusano.

Due le strade percorribili: un decreto di rinvio a giudizio, con la fissazione della prima udienza dell’eventuale processo, o una sentenza di non luogo a procedere.

A rendere noto il calendario è stato ieri sera lo stesso Gup Sarpietro che ha fissato due date per la discussione in aula per pubblico ministero, parti civili e difesa: il dieci e il 23 aprile prossimi.

Lo ha fatto dopo aver letto il provvedimento con il quale ha dichiarato inammissibili le audizioni di alcuni ufficiali della Capitaneria di porto e dell’ex presidente dell’Anm ed ex consigliere del Csm Luca Palamara.

L’audizione di quest’ultimo era stata chiesta dall’avvocato Corrado Giuliano in rappresentanza di una delle parti civili, l’associzione AccoglieRete.

Il penalista aveva sostenuto che sarebbe stato utile sentirlo per “fare chiarezza” su “uno spazio grigio, una preoccupante zona d’ombra” e “del clima nel quale si sono consumate le fasi del procedimento”.

La difesa di Salvini, con l’avvocato Giulia Bongiorno, si era opposta: “di Palamara non si sta parlando per come si dovrebbe”, ma “in questo processo non possiamo fare un altro processo che probabilmente ci sarà, ma in un’altra sede”.

La decisione è stata adottata dal Gup Sarpietro dopo una camera di consiglio a conclusione della deposizione, come testimone, dell’ambasciatore Maurizio Massari, in qualità di rappresentante permanente dell’Italia all’Unione Europea.

Secondo i legali di parte civile l’ambasciatore avrebbe detto di “non avere mai pensato di subordinare gli sbarchi alla ridistribuzione” e che “prima dell’Accordo di Malta si valutava la situazione caso per caso” con tempi non prevedibili, non certi.

E questo, hanno sostenuto le parti civili, portava “profughi, migranti, famiglie e bambini a soffrire bloccati per lungo tempo su una nave senza alcun motivo valido”.

Diversa la lettura data della deposizione dell’ambasciatore da Salvini e dall’avvocato Bongiorno: “Massari – ha detto l’ex ministro dell’Interno – ha ricordato la realtà, le politiche sull’immigrazione che erano le stesse prima, durante e dopo”.

Per la penalista “la testimonianza è stata particolarmente efficace perché ha chiarito che c’è stata continuità politica tra il Conte uno e Conte due e tra Salvini e Lamorgese” e che “il caso Gregoretti si colloca in maniera coerente con quella che era la linea del governo nel sollecitare l’Europa”.

Salvini il prossimo venti marzo dovrà comparire anche davanti al Gup di Palermo per la richiesta di rinvio a giudizio per i ritardi nello sbarco di 147 migranti dalla Open Arms nell’Agrigentino.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684