In Sicilia più di tre addetti su cinque lavorano nella microimprenditoria - QdS

In Sicilia più di tre addetti su cinque lavorano nella microimprenditoria

Serena Giovanna Grasso

In Sicilia più di tre addetti su cinque lavorano nella microimprenditoria

venerdì 09 Agosto 2019 - 03:00
In Sicilia più di tre addetti su cinque lavorano nella microimprenditoria

Nell’Isola in 463.392 sono impiegati in aziende con meno di 10 unità di personale (63,7%). Cgia di Mestre: “Al Sud la forte rappresentatività è dovuta all’assenza di grandi imprese”

PALERMO – Nelle regioni meridionali, il peso occupazionale delle microimprese raggiunge i valori massimi. Infatti, secondo i dati contenuti all’interno del report della Cgia di Mestre (Associazione artigiani e piccole imprese), elaborati a partire dalle analisi condotte dall’Istituto nazionale di statistica, le microimprese del Mezzogiorno assorbono ben il 59,9% degli addetti complessivi nelle imprese. In termini assoluti, si tratta di 2,1 milioni di addetti sui 3,5 milioni di addetti totali. Mentre al Centro l’incidenza è pari al 44,3% ed al Nord ammonta al 39,4%.

In Sicilia, le microaziende, vale a dire tutte le attività imprenditoriali con un numero di addetti inferiore a dieci, impiegano ben 463.392 unità, corrispondenti al 63,7% del totale addetti (727.829). Questa siciliana è la terza incidenza più sostenuta a livello nazionale. Valori maggiormente elevati si osservano solo in Calabria (182.505 addetti sui 264.630 complessivi, pari al 69% del totale) e nel Molise, regione con un’incidenza pari al 66,2%. A seguire, al quarto e quinto posto, troviamo rispettivamente Sardegna (63,4%) e Puglia (59,7%). In coda, invece, si piazzano l’Emilia Romagna (40,5%), il Lazio (37,1%) e, in ultima posizione, la Lombardia (34%). Secondo la Cgia di Mestre “la forte rappresentatività al Sud e nelle Isole delle microattività si deve al fatto che in questi territori la presenza delle medie e grandi imprese è perlopiù assente, al contrario ampiamente concentrata al Centro-Nord”.

Complessivamente, a livello nazionale le microimprese impiegano quasi 7,5 milioni di addetti (ovvero il 44,5% degli addetti totali, pari a 17 milioni di unità), un valore doppio rispetto a quello riferito alle grandi aziende (oltre i 250 addetti) che assorbono 3,8 milioni di addetti. Inoltre, se mettiamo a confronto gli addetti delle medie e grandi imprese (6 milioni) con i 7,5 milioni delle micro, notiamo che in queste ultime lavorano 1,5 milioni di persone in più. Altresì, le microaziende generano il 29% del valore aggiunto riconducibile alle imprese (220 miliardi di euro su un totale di 750 miliardi di euro) e il 25% del fatturato nazionale (746 miliardi di euro).

“Fino a quarant’anni fa le microaziende erano ritenute residuali – afferma Paolo Zabeo, il coordinatore dell’ufficio studi della Cgia – quasi un effetto collaterale del boom economico esploso negli anni ‘60. Molti esperti, addirittura, prevedevano che nel giro di qualche decennio sarebbero scomparse a causa della globalizzazione. Diversamente, le micro imprese si sono consolidate e oggi costituiscono uno degli assi portanti della nostra economia. E nonostante la crisi le abbia colpite duramente, mantengono ancora un peso occupazionale rilevante, sebbene la politica e in generale l’opinione pubblica non le tengano in grande considerazione”.

I settori economici dove il peso occupazionale dei piccolissimi imprenditori è maggiore sono le attività immobiliari (93,3% del totale addetti nell’ambito), altri servizi alla persona, come il settore benessere composto da parrucchieri, barbieri, estetiste, massaggiatori (78,7%), i liberi professionisti (76%) e le costruzioni (65,4%). In termini assoluti, invece, il comparto dove il numero di addetti nelle micro attività è maggiore è il commercio-autoriparazione, con quasi 2 milioni di addetti in Italia.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684