Ipotesi scuole aperte fino al 30 giugno ma solo per le elementari - QdS

Ipotesi scuole aperte fino al 30 giugno ma solo per le elementari

web-la

Ipotesi scuole aperte fino al 30 giugno ma solo per le elementari

web-la |
sabato 20 Febbraio 2021 - 14:33

Per quanto riguarda le medie e le superiori, la conferma degli esami in presenza per tutti, con la maturità che partirà il 16 giugno, sembra di fatto escludere l'ipotesi di un allungamento del calendario

Tra le ipotesi che circolano, soprattutto per far recuperare la socialità ai più piccoli -necessità sottolineata in più occasioni dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi – c’è quella di tenere aperte le scuole elementari per tutto il mese di giugno.

Per quanto riguarda le medie e le superiori, la conferma degli esami in presenza per tutti, con la maturità che partirà il 16 giugno, sembra di fatto escludere l’ipotesi di un allungamento del calendario, anche se una decisione ufficialmente non è stata presa.

Se si pensasse di tenere aperte le scuole elementari per tutto il mese di giugno con attività ludiche e di recupero per i più piccoli “certamente saremmo favorevoli, era una voce che circolava ma non c’è nessun elemento concreto al momento”.

A dirlo all’ANSA è Paola Serafin, che guida i dirigenti scolastici per la Cisl. “In realtà la primaria è rimasta sempre aperta – ricorda la dirigente sindacale – e con le varianti che si stanno diffondendo, bisognerà ben valutare questa proposta e dovranno essere messi all’opera tutti i protocolli necessari. Ma non sarà certo la scuola a tirarsi indietro, il problema è capire come fare e valutare”.

Si parlerà di un’Italia arancione per un certo periodo, con restrizioni anti-Covid omogenee ovunque, ipotesi avanzata dal presidente Stefano Bonaccini, ma anche di nuovi criteri alla base del sistema dei colori, oggi nella Conferenza delle Regioni dalle 17, secondo quanto si apprende.

Le proposte saranno poi portate al governo Draghi, che deve prendere decisioni a partire dallo stop agli spostamenti tra regioni che scade il 25 febbraio, e in vista di un possibile, nuovo Dpcm

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684