La scuola riparte con la Ddi - QdS

La scuola riparte con la Ddi

Lucia Russo

La scuola riparte con la Ddi

mercoledì 09 Settembre 2020 - 00:00
La scuola riparte con la Ddi

Dopo Dad, Pai e Pia ecco la “Didattica digitale integrata”

Siamo alla seconda settimana di scuola del nuovo anno scolastico 2020/21. Tra i banchi sono ritornati gli alunni che a partire dal 5 marzo sono “spariti” e, di conseguenza, secondo la Om del 16 maggio 2020, i professori hanno dovuto attrezzare per ciascuno di loro un Piano di apprendimento individualizzato, con lezioni di presenza a partire dal 2 settembre e che potrebbe durare anche per tutta la prima parte del nuovo anno.

Come da piano annuale ordinario, tra l’uno e il due settembre in tutte le scuole italiane si sono svolti i collegi docenti, ma questa volta con l’opzione della modalità “on line”, scelta da diversi dirigenti, anche se altri hanno preferito il tradizionale incontro di presenza, soprattutto nel caso di scuole con ampi spazi all’aperto, oppure palestre o aule magne particolarmente grandi a disposizione. In quest’ultimo caso tutti i partecipanti hanno dovuto rigorosamente indossare le mascherine e sedersi nei posti distanziati. Non sono mancati, però, coloro che non hanno potuto fare a meno di abbracciare i colleghi, né i cosiddetti capannelli, con la conseguenza che il dirigente è stato costretto a minacciare i docenti di rispettare le regole, pena una bella sanzione. La domanda è: come faranno i docenti a fare rispettare le regole anticontagio da parte dei loro alunni, se sono loro stessi i primi a non rispettarle?

Nel frattempo, dopo Dad, Pai e Pia di cui avevo trattato sul QdS del 10 giugno scorso (leggi qui), è venuta fuori una nuova sigla, la Ddi, che sta per “Didattica digitale integrata”, introdotta dal decreto del ministro dell’Istruzione del 26 giugno 2020 n. 19. Tutte le scuole dovranno dotarsi di un Piano per la Ddi, per una nuova didattica a distanza, che nelle Scuole superiori dovrà essere complementare a quella di presenza, mentre in tutti gli altri livelli di istruzione dovrà essere adottata in caso di nuovo lockdown.

Twitter: @LRussoQdS

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684