Le risposte assurde della Rai sui vaccini - QdS

Le risposte assurde della Rai sui vaccini

redazione

Le risposte assurde della Rai sui vaccini

martedì 13 Luglio 2021 - 00:00

Non è che si sta informando a senso unico?

di Gianlugi Paragone
Senatore della Repubblica

Più di una volta ho trattato il tema di come la Rai stia gestendo l’informazione riguardo il tema dei vaccini, prendendo anche spunto dalle parole di Michele Santoro nel corso della trasmissione di Lucia Annunziata. Ma anche dalle modalità con cui talk e Tg raccontavano solo certi fatti, negandone altri. Il succo del ragionamento era il seguente: non è che si sta informando a senso unico? Non è che lo spazio critico viene confinato nell’area della “cattiva informazione” solo perché solleva dei dubbi? Non è che i virologi sono diventati una specie di sacerdoti di un nuovo credo? In altre parole, volevamo capire se la Rai stava involvendo da tv pubblica a televisione di Stato, con buona pace dei cittadini che pagano il canone.

Nel commentare sull’argomento avevo altresì annunciato che avrei posto la questione in Vigilanza Rai, con apposita interrogazione circa la distribuzione dei tempi. Cosa che ho fatto puntualmente, ricevendo una risposta assolutamente insoddisfacente. Di cui vi rendo conto. Lascio perdere il pistolotto iniziale sulla peculiarità della tematica e cioè “la somministrazione di vaccini per far fronte a una pandemia che ha causato la morte di milioni di persone in tutto il mondo”: una somministrazione che non è affatto obbligatoria. Forse a viale Mazzini i dettagli sfuggono.

Ma andiamo oltre. Leggete bene: “Non esistono temi o notizie paragonabili a queste – prosegue la dichiarazione ufficiale di viale Mazzini – per cui non esistono regole volte a una sorta di par condicio che si possano ragionevolmente applicare a questa fattispecie”. Che c’entra? E il codice deontologico della professione giornalistica che fine ha fatto? La Rai mi sta dicendo che senza una normativa sulla falsariga della par condicio diventa lei stessa giudice supremo? Siamo all’informazione di Stato. Le cui eccezioni confermano la regola.

Infatti, la risposta al quesito va avanti così: “Ciò nonostante (cioè nonostante il principio per cui non esistono regole guida; e non è vero, nda), in diverse situazioni è stata data la possibilità di esprimere la propria opinione a chi ha deciso di non vaccinarsi, in un leale contraddittorio”. In diverse situazioni? E chi decide quali sono le diverse situazioni dove il dibattito è tollerato e dove no? E ancora: leale contraddittorio è tipo quello andato in onda a Porta a Porta interpretato da Bruno Vespa nei confronti di Gianni Rivera, colpevole di non volersi vaccinare (opzione prevista nel momento in cui non esiste l’obbligo vaccinale)? Un racconto autenticamente giornalistico, a maggior ragione all’interno del perimetro della tv pubblica non può non dare conto di ogni posizione, non può omettere il tema delle cure domiciliari e della loro efficacia.

Bavaglio Rai in piena regola, insomma, messo nero su bianco nella risposta alla mia interrogazione. “Non vi sono riferimenti che obblighino la Rai a rispettare le logiche di ricerca di equilibrio nelle posizioni”. E’ l’ammissione del Pensiero Unico. Domando allora: da dove arriva l’ordine di abdicare dall’equilibrio delle posizioni? In Rai (e non solo, per carità) abbiamo visto terroristi, criminali, mafiosi intervistati in nome del buon giornalismo ma sul vaccino deve prevalere il tema della Verità Unica? Sostenere che “non vi sono riferimenti che obblighino la Rai a rispettare le logiche di ricerca dell’equilibrio nelle posizioni” significa appunto negare gli spazi dialettici, mettere il bavaglio in nome della verità di Stato! “E’ invece un preciso dovere del servizio pubblico (a questo punto però vale la pena domandarsi cosa sia il servizio pubblico quando si ammette la propaganda di Stato, nda) non diffondere fake news, bensì seguire le posizioni espresse dal mondo scientifico”. E qui casca l’asino: da quando il mondo scientifico va da Fazio? Da quando la scienza si fa intervistare da Bruno Vespa? Da quando soprattutto gli scienziati sono diventati come Wanda Nara? Gli scienziati, quelli veri intendo, parlano attraverso le pubblicazioni scientifiche: dove sono le pubblicazioni scientifiche (quelle vere) di Burioni, di Pregliasco, di Bassetti, di Galli? Non ci sono.

Per chiudere. Visto che la Rai ha un contratto di servizio pubblico da rispettare e si alimenta anche coi soldi del canone, gli italiani hanno il sacrosanto diritto di sapere i conflitti di interesse di certi medici: la Rai deve dirci se il medico che informa ha preso o prende soldi dalle case farmaceutiche. Ogni omissione di informazioni simili trasforma l’evasione del canone in legittima difesa.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x