Mafia, rinvii a giudizio per il "parracco", cosca alternativa - QdS

Mafia, rinvii a giudizio per il “parracco”, cosca alternativa

redazione web

Mafia, rinvii a giudizio per il “parracco”, cosca alternativa

martedì 21 Dicembre 2021 - 10:32

Nove degli indagati nell'operazione "Oro bianco" andranno a processo, con l'inizio del dibattimento previsto per aprile, mentre ventitré hanno scelto il rito abbreviato. Stralcio per due indagati

E’ previsto per il cinque aprile del 2022 ad Agrigento l’inizio del dibattimento del processo scaturito dalla maxi operazione antimafia “Oro bianco”, che ha fatto luce sul cosiddetto “paracco”, ovvero la cosca mafiosa alternativa a Cosa Nostra e alla Stidda.

Udienza preliminare ieri ad Agrigento

Nell’udienza preliminare di ieri, nove sono stati i rinvii a giudizio, mentre ventitré imputati hanno scelto il rito abbreviato – la requisitoria è in programma il 26 gennaio – e le posizioni di altri due indagati sono state stralciate per problemi di notifiche.

I pm della Dda di Palermo, Claudio Camilleri, Gianluca De Leo e Pierangelo Padova, avevano chiesto il rinvio a giudizio per 34 indagati.

La cosca nata a Palma di Montechiaro

La nuova cosca, secondo l’accusa, sarebbe stata messa in piedi da Rosario Pace, di 60 anni, di Palma di Montechiaro, appartenente alla storica famiglia.

L’indagine ha sgominato pure un vasto traffico di cocaina.

Nel blitz, eseguito dai Carabinieri all’alba del 13 gennaio scorso, è finito in carcere pure il consigliere comunale di Palma di Montechiaro Salvatore Montalto, di 52 anni, arrestato con l’accusa di associazione mafiosa e dimessosi all’indomani dell’arresto.

Servizi bancari a disposizione del clan

La Dda, fra le altre cose, gli contesta di avere messo a disposizione del clan i servizi bancari di un istituto di credito di cui era dipendente.

Unicredit si è costituita parte civile contro il suo ex dipendente.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684