Natale è tempo di solidarietà, piccoli gesti per fare la differenza - QdS

Natale è tempo di solidarietà, piccoli gesti per fare la differenza

redazione

Natale è tempo di solidarietà, piccoli gesti per fare la differenza

martedì 15 Dicembre 2020 - 00:00
Natale è tempo di solidarietà, piccoli gesti per fare la differenza

Dal volontariato alle donazioni, tante iniziative per “fare del bene”

Il ventiquattresimo appuntamento con la Pagina Bellezza del Qds è dedicato alla solidarietà. Con l’avvicinarsi del Natale, soprattutto in un anno complicato come quello che sta per concludersi, un piccolo gesto di altruismo può fare la differenza. Dalle associazioni di volontariato alla tutela dell’ambiente, sono tantissime le iniziative tra le quali si può scegliere.

È possibile, ad esempio, aiutare l’ambiente e il mondo animale adottando una “specie a rischio” grazie a Wwf Italia. “Entro il 2050 – spiega il Wwf – i koala e gli orsi polari potrebbero scomparire per sempre; nel Sud-est asiatico oltre 12 milioni di trappole letali stanno decimando le tigri e le loro prede; in Italia l’orso bruno marsicano è in pericolo critico di estinzione e nel mondo si contano appena 2.000 individui di panda liberi in natura”.

Partendo da questi dati, per questo Natale, il Wwf invita tutti a impegnarsi di più per il pianeta. Come? Passando dalle parole ai fatti: nasce così la campagna ‘A Natale mettici il cuore’, con il messaggio ‘Il cuore metticelo per davvero’, disegnata e realizzata in collaborazione con Accenture Interactive, la digital agency dell’omonima società di consulenza, con l’obiettivo di spingere le persone a regalarsi o donare ad altri, in occasione del Natale, l’adozione di una delle specie simbolo che rischiamo di perdere per sempre.

Con questo semplice gesto si sosterranno i progetti di conservazione Wwf a tutela della natura, quella natura senza la quale non possiamo vivere perché ci fornisce cibo, ossigeno, acqua potabile, medicinali e difesa dagli eventi estremi. Mai come in questo terribile anno, a causa dell’emergenza Coronavirus, abbiamo capito che la salute degli ecosistemi è direttamente collegata alla nostra. La deforestazione che avanza a livelli allarmanti nelle foreste tropicali di tutto il mondo, in particolare nel Sud-est asiatico, ha aperto strade dove prima c’era solo natura.

Questo ha favorito il prelievo, spesso illegale, di animali selvatici e il loro trasporto a migliaia di chilometri di distanza, ammassati spesso in spazi ristretti, per poi finire, morti o ancora vivi, nei mercati tenuti in condizioni igienico-sanitarie inadeguate: è questa la probabile via che ha favorito il ‘salto di specie’ (spillover) e ci ha messo in contatto con nuovi virus a cui il nostro organismo non era preparato.

Allo stesso tempo i dati sulla perdita di biodiversità sono sempre più allarmanti: il Living Planet Report 2020 mostra che in soli 50 anni le popolazioni globali di Vertebrati (mammiferi, uccelli, rettili, anfibi e pesci) si sono ridotte, in media, del 68%. Un calo drammatico, in particolare negli ecosistemi tropicali e negli habitat di acqua dolce, causato in gran parte da distruzione degli ecosistemi e commercio illegale di specie, che contribuiscono all’emergere di malattie zoonotiche come il Covid-19.

La campagna “A Natale mettici il cuore”, veicolata soprattutto attraverso il messaggio ‘‘Il cuore metticelo per davvero” sui social media, vuole far riflettere le persone sull’importanza vitale della biodiversità e invitarle a fare un piccolo gesto in più per proteggerla.

L’adozione di una specie a rischio può essere con peluche, col quale si ricevono anche un certificato nominativo e una lettera di Fulco Pratesi, presidente Onorario del Wwf; oppure digitale, che permette discaricare vari materiali (uno sfondo per il desktop, una firma digitale e uno screensaver della specie scelta) riducendo ancora di più l’impatto ambientale.

Un regalo sospeso per i bambini in difficoltà

Ad Agrigento, l’Amministrazione comunale è scesa in campo per aiutare i bambini che fanno parte di famiglie in difficoltà economiche, avviando per la prima volta in città il “regalo Sospeso”. Un concreto aiuto pensato per i bambini meno fortunati che in questo Natale rischiano di non trovare un giocattolo sotto l’albero.

L’iniziativa, pensata e concretizzata dall’assessore alle Attività produttive Francesco Picarella e da quello alla Solidarietà sociale Marco Vullo, vuole essere una iniziativa economica solidale dal duplice valore: incentivare gli acquisti natalizi presso gli esercizi commerciali della città e le famiglie che quest’anno non possono permettere l’acquisto di regali per l’acquisto di regali per i propri piccoli.

“Chiunque voglia donare – è stato detto – fino a domenica 20 Dicembre, potrà acquistare un articolo in uno dei negozi di giocattoli, cartolerie e librerie aderenti e lasciarlo, appunto, in sospeso. Su ogni pacco regalo l’esercente indicherà l’articolo contenuto nel pacco, l’indicazione se regalo adatto per maschio o femmina e l’età di riferimento. Successivamente, i volontari delle associazioni che hanno aderito all’iniziativa ritireranno i pacchi e provvederanno a distribuirli alle famiglie delle quali hanno contezza del disagio economico”.

L’elenco degli esercizi aderenti è pubblicato sul sito del Comune, ma chiunque volesse aderire ancora può farlo inviando una mail a posta.suap@comune.agrigento.it.

I doni solidali di Msf portano cure mediche dove c’è bisogno

Quest’anno sarà un Natale diverso a causa delle limitazioni imposte dalla pandemia ma si può fare comunque un regalo utile e bello direttamente da casa propria per rendere felice chi lo riceve ma anche aiutare concretamente centinaia di migliaia di persone colpite da conflitti, epidemie e catastrofi naturali. È sufficiente visitare il sito della Bottega Solidale di Medici Senza Frontiere (Msf) dove è disponibile un’ampia scelta di prodotti e regali virtuali per sostenere i progetti dell’organizzazione medico umanitaria in oltre 70 paesi del mondo.

“Se non è insieme che Natale è? Questo è il messaggio della nostra campagna natalizia che invita tutti a scegliere un regalo solidale che possa accorciare le distanze con i propri cari in un momento così difficile e al tempo stesso sostenere la nostra azione medico umanitaria in tutto il mondo – dichiara Annalaura Anselmi, direttrice della raccolta fondi di Msf -. Ogni donazione raccolta tramite la nostra Bottega Solidale arriverà in oltre 70 paesi al mondo, trasformandosi in cure e assistenza sanitaria per centinaia di migliaia di persone”.

Decine di regali per un unico obiettivo: portare cure mediche dove c’è più bisogno. La Bottega solidale di Msf offre diverse idee di regali per adulti e bambini con magliette, zainetti, borse, agende, ma anche tazze, biglietti e decorazioni natalizie. Ci sono poi scatole alimentari con panettone, cioccolato e tisane e per gli amanti della sostenibilità il kit con borraccia e porta pranzo in bambù. Per festeggiare i 50 anni dalla nascita di Msf nel 2021, un calendario speciale ripercorre le tappe più importanti della storia dell’organizzazione con le originali illustrazioni dei ragazzi dell’accademia di arti figurative Comics di Roma.

Per i regali last minute si possono scegliere i regali virtuali o la nuova card animata, dedicati a chi potrà beneficiare di cure e assistenza gratuita grazie a Msf. Tutti regali utili con un impatto concreto: ad esempio, con 9 euro si donano tre zanzariere da letto, con 20 euro si possono garantire due parti sicuri e con 50 euro si assicura un trattamento completo ad un bambino malnutrito.

Sul sito della Bottega Solidale di Msf è possibile effettuare l’ordine del prodotto scelto a fronte di una donazione minima suggerita e di un contributo per le spese di spedizione. I regali virtuali possono essere ordinati fino all’ultimo momento e si possono condividere via mail tramite una cartolina digitale.

I nipoti di Babbo Natale realizzano i desideri degli anziani rimasti soli

Tra le categorie più colpite dalla pandemia Covid-19, ci sono sicuramente gli anziani. In tanti sono soli nelle Rsa. Per rendere il loro Natale migliore è possibile aderire all’iniziativa i “Nipoti di Babbo Natale”. Grazie al progetto di “Un sorriso in più Onlus” tutti possono realizzare il sogno di un anziano che vive in casa di riposo: un piccolo gesto che si trasforma in qualcosa di magico. Sul sito web www.nipotidibabbonatale.it è visionabile l’elenco (in continuo aggiornamento) di desideri espressi da anziani in tutta Italia, pronti ad essere esauditi. Con un semplice click (le fasce di prezzo sono variabili) si possono, ad esempio, regalare maglie, libri, camice, orologi, quadri.

“Arriva dicembre – spiegano i promotori – e per tutti inizia la ricerca del regalo perfetto: l’idea giusta, un pensiero speciale confezionato con carta e nastrini colorati, che sappia esprimere in un solo istante quanto teniamo alla persona che lo riceve. Ma per chi il Natale lo trascorrerà lontano da casa, lontano dai propri affetti, per chi parenti non ne ha, o non ne ha più, il 25 di dicembre può rivelarsi un momento di solitudine”.

“Quest’anno più che mai – aggiungono – è importante far sentire agli anziani la nostra vicinanza: anche se non sarà possibile entrare fisicamente nelle strutture, potrai far arrivare con il tuo dono un messaggio che esprima tutto il tuo affetto anche a distanza”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684