Paralimpiadi, Bebe Vio, "In aprile ho rischiato di morire" - QdS

Paralimpiadi, Bebe Vio, “In aprile ho rischiato di morire”

redazione web

Paralimpiadi, Bebe Vio, “In aprile ho rischiato di morire”

domenica 29 Agosto 2021 - 06:28

Ha ringraziato il medico per l'oro di ieri. E oggi la fiorettista cercherà di trascinare al successo l'intera squadra azzurra della specialità, che cinque anni fa a Rio ottenne la medaglia di bronzo

Dopo l’oro di ieri, nelle paralimpiadi di Tokyo per la fiorettista azzurra Bebe Vio resta oggi la missione più difficile: provare a trascinare al successo anche la squadra di fioretto che, nel 2016 a Rio vinse il bronzo.

Ma Bebe ha una tempra straordinaria, come conferma anche la rivelazione da lei fatta dopo la medaglia d’oro, la seconda dopo quella conquistata cinque anni fa a Rio de Janeiro: “In aprile ho rischiato di morire”.

“Non credevo di arrivare fin qui, perché ho avuto un’infezione da stafilococco che è andata molto peggio del dovuto e la prima diagnosi era amputazione entro due settimane (dell’arto sinistro, ndr.) e morte entro poco” ha raccontato, ringraziando il suo medico.

“Sono felice – ha detto – , avete capito perché ho pianto così tanto? L’ortopedico ha fatto un miracolo, è stato bravissimo, tutto lo staff lo è stato. Questa medaglia assolutamente non è mia, è tutta loro”.

“I primi quattro anni della preparazione – ha ricordato – sono andati benissimo, anche nel periodo del Covid, grazie ai miei allenatori e alle Fiamme Oro perché ho ripreso persino prima delle altre avversarie. L’ultimo anno, invece, è stato parecchio sfigato. Ha avuto un’infezione al braccio sinistro: la prima diagnosi era amputazione e morte poco dopo”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684