Pnrr in Sicilia tra clientelismo e incompetenza, come faranno i Comuni? - QdS

Pnrr in Sicilia tra clientelismo e incompetenza, come faranno i Comuni?

web-iz

Pnrr in Sicilia tra clientelismo e incompetenza, come faranno i Comuni?

web-iz |
domenica 02 Gennaio 2022 - 11:25

Come faranno gli Enti locali a spendere le risorse del Recovery fund velocemente e bene? L'intervista al segretario generale Anci Sicilia, Mario Emanuele Alvano.

Tra le questioni ataviche, che attanagliano gli Enti locali dell’Isola, vi è quella delle scarse professionalità degli organici dei Comuni. Come abbiamo scritto nell’inchiesta dello scorso 11 dicembre, le responsabilità di questa carenza hanno un nome e un cognome: la politica clientelare che negli scorsi decenni ha riempito gli uffici pubblici di dipendenti senza specifiche competenze, lasciando gli uffici sguarniti di figure essenziali per il buon funzionamento della macchina burocratica.

Adesso, di fronte all’enorme sfida che l’Italia sta affrontando – vale a dire spendere le risorse del Recovery fund e spenderle velocemente e bene – tale carenza rischia di far perdere alla Penisola un’occasione d’oro. Per capire meglio i contorni di tale questione, abbiamo interpellato ancora il segretario generale di Anci Sicilia, Mario Emanuele Alvano.

Segretario, che strada avete intrapreso in merito alla mancanza di professionalità nei Comuni soprattutto in vista dell’entrata nel vivo del Pnrr?


“Ribadisco quanto abbiamo detto nel passato: le difficoltà c’erano e permangono. Qualche intervento di individuazione di figure di supporto di assistenza tecnica che daranno una mano lo abbiamo visto, ma il tema di fondo non si è toccato”.

Qual è il tema di fondo?


“È consentire anche finanziariamente ai Comuni di poter assumere. Ora si è intervenuti dando le possibilità a chi ha le capacità finanziarie: è un segnale utile senz’altro, ma non risolutivo rispetto alla debolezza che ci trasciniamo da almeno dieci anni. Le persone che sono andate in pensione negli ultimi dieci anni non sono state rimpiazzate. Il tema è che questo gap non si può colmare allo stato attuale. Il problema persiste e peraltro è strettamente legato a quello finanziario perché l’impianto complessivo lega sempre le capacità finanziaria al personale da un lato. Con i bilanci non approvati in molti casi poi non è facile attivarsi per i bandi, non è facile partecipare, forse non ci sono neanche le condizioni”.

Il Pnrr rischia quindi di essere l’ennesima occasione mancata per i Comuni siciliani?


“Attualmente rischia sicuramente di essere un’occasione mancata. Ovviamente non ci si scoraggia: stiamo lavorando per trovare le modalità per supportare gli Enti. Sono gocce rispetto al mare ma non per questo dobbiamo essere scoraggiati. L’idea è quella di insistere e far capire che c’è necessità di un’azione più forte”.

Paola Giordano

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684