Multe e tasse non pagate, ecco quando vanno in prescrizione - QdS

Multe e tasse non pagate, ecco quando vanno in prescrizione

webms

Multe e tasse non pagate, ecco quando vanno in prescrizione

webms |
domenica 15 Maggio 2022 - 14:00

Quando vanno in prescrizione le multe ricevute, i crediti e le tasse non pagate o non accertate? Ecco le risposte alle domande più frequenti.

Multe e tasse: non esiste nulla che “tormenti” l’italiano/a medio/a come queste due cose. Quasi tutti i patentati si trovano almeno una volta nella vita a pagare una multa per un’infrazione al Codice della Strada. E anche quando la guida è ineccepibile e non arrivano multe, alle tasse non può sfuggire nessuno.
Ciò che molti non sanno è che multe, tasse e imposte non pagate e non accertate entro un certo periodo vanno in prescrizione. Cosa vuol dire? La prescrizione è uno strumento giuridico che permette l’estinzione del diritto delle autorità competenti a riscuotere una certa somma di denaro dovuta una volta trascorso un determinato lasso di tempo.

Ciascun ordine giuridico prevede leggi specifiche sulla prescrizione. Di seguito si propone un breve approfondimento della redazione di QdS.it sull’argomento, una “guida” per sapere quando tasse, multe e imposte vanno in prescrizione e, quindi, non vanno più pagate secondo la legge attuale.

Prescrizione multe 2022: tempi di notifica e norme in vigore

La prescrizione delle multe è regolata dall’Articolo 129 del Codice della Strada, che fa a sua volta riferimento all’Articolo 28 della Legge 24 novembre 1981, n. 689. Quest’ultima conferma che: “Il diritto a riscuotere le somme dovute per le violazioni indicate dalla presente legge si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata commessa la violazione”.

Cosa significa? Se un automobilista ottiene una multa in seguito a violazione del Codice della Strada non dovrà pagare la somma richiesta se non riceve avvisi o intimazioni di pagamento entro 60 mesi (cioè 5 anni).

Quando si riceve una multa da pagare bisogna considerare anche i tempi di notifica della stessa. Affinché la multa sia valida, essa va notificata entro 90 giorni a partire dal giorno successivo a quello dell’accertamento dell’infrazione. Si specifica che il termine dei 90 giorni non si riferisce alla data di ricezione, ma a quella di spedizione della notifica.

Contestare una multa: quando e come è possibile fare ricorso

Se le autorità competenti notificano la multa oltre il termine previsto di 90 giorni e/o qualora la notifica contenga vizi di forma o irregolarità evidenti, è possibile contestare la multa.

È importante tenere a mente una serie di considerazioni:

  • Si può fare ricorso per la multa solo quando e se essa non è stata pagata;
  • Tra i motivi che potrebbero giustificare la contestazione di una multa ci sono: stato di necessità, vizi di forma, notifica oltre i termini e accertamenti illegittimi provabili e verificabili dalle autorità competenti;
  • Le tempistiche per il ricorso vanno rispettate: si deve presentare domanda entro 30 giorni se si agisce tramite Giudice di Pace, mentre per presentare ricorso al Prefetto territorialmente competente c’è tempo fino a 60 giorni a partire dall’accertamento dell’infrazione o dalla consegna del verbale ufficiale;
  • Qualora il ricorso venga rifiutato dal Giudice di Pace, esistono due scelte: pagare la somma dovuta entro 30 giorni o fare appello.
  • Il ricorso al Prefetto è praticamente gratuito e non richiede l’ausilio di un avvocato, ma i tempi sono generalmente più lunghi. Inoltre, qualora il ricorso venga rigettato, c’è il rischio di pagare una cifra pari al doppio della multa iniziale.
  • Alcuni documenti da presentare per contestare una multa sono: copia del documento e della patente di guida, dati anagrafici e firma del richiedente, estremi del verbale e motivazione del ricorso.

Tasse e interessi: quando vanno in prescrizione

Non pagare le tasse è un reato, che può comportare pesanti sanzioni, conseguenze penali (in caso di evasione fiscale) e perfino il pignoramento dei beni. Esistono però casi in cui gli enti creditori perdono il diritto alla riscossione: un esempio è la prescrizione, che si verifica ogni volta che la notifica del pagamento viene effettuata oltre i termini stabiliti dalla legge.

L’Articolo 2948 del Codice Civile italiano stabilisce che si prescrivono in 5 anni:
1. Le annualità delle rendite perpetue o vitalizie;
2. (1-bis) il capitale nominale dei (titoli di Stato) emessi al portatore;
3. Le annualità delle pensioni alimentari;
4. Le pigioni delle case, i fitti dei beni rustici e ogni altro corrispettivo di locazioni;
5. Gli interessi e, in generale, tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o in termini più brevi;
6. Le indennità spettanti per la cessazione del rapporto di lavoro.

Si specifica che la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità “costituzionale degli artt. 2948 n. 4, 2955, n. 2, e 2956, n. 1, del Codice civile limitatamente alla parte in cui consentono che la prescrizione del diritto alla retribuzione decorra durante il rapporto di lavoro”.

Dall’IVA al canone Rai: termini di prescrizione delle imposte

Per quanto riguarda le imposte, i termini di prescrizione in genere sono diversi da quelli delle multe e delle tasse. Nello specifico, una prescrizione di 5 anni è prevista per Imu, Tari, Tasi e Tosap: la notifica va effettuata entro il 31 dicembre del quinto anno successivo alla dichiarazione o al tempo previsto per il versamento. Le stesse tempistiche esistono, oltre che per le sanzioni amministrative e le violazioni delle norme stradali, anche per il versamento dei contributi previdenziali Inps e Inail dichiarati.

Il termine di prescrizione per Iva, Irpef, Ires, Irap, canone Rai, imposta di bollo, imposta ipotecaria, imposta catastale e, infine, contributi alla Camera di Commercio è di 10 anni.

Crediti e bollette, quando avviene la prescrizione?

La prescrizione ordinaria di un credito avviene di norma dopo 10 anni. Questo vale, in particolare, per mutui, prestiti e cessioni del quinto, nonché capitale utilizzato con carta di credito. Per interessi contrattuali e moratori, invece, si prevede la prescrizione quinquennale.

Sono più brevi i tempi di prescrizione per le bollette di luce, acqua e gas. Come confermato dalla Legge di Bilancio, infatti, per le forniture di energia, gas e acqua la prescrizione è biennale (cioè avviene dopo soli 2 anni).

Caso bollo auto

Chiude l’approfondimento sulla prescrizione di tasse, multe e imposte il caso del bollo auto. Il termine di prescrizione per un bollo auto è di appena 3 anni (calcolati a partire dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello in cui è previsto il versamento della tassa). Trascorso il termine senza aver presentato la richiesta di pagamento al cittadino, in genere non è più possibile pretendere il pagamento.

L’annullamento per prescrizione va richiesto tramite ricorso dal proprietario del veicolo interessato dall’imposta. Il ricorso si presenta tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o PEC alla Regione di competenza o alla Agenzia delle Entrate.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684