Riqualificazione borgo storico di San Marco a Valderice - QdS

Riqualificazione borgo storico di San Marco a Valderice

Pietro Vultaggio

Riqualificazione borgo storico di San Marco a Valderice

martedì 29 Giugno 2021 - 00:00

Un progetto che parte dal 2010 e che adesso permetterà di ristrutturare la località dal punto di vista urbanistica con una somma di quasi 900 mila euro. L’intervista del QdS al sindaco Stabile

VALDERICE (TP) – Un recupero qualitativo del Borgo di San Marco, tenendo fede al tessuto storico ed urbanistico del luogo. In tale direzione si è mosso il comune di Valderice che, nel corso degli anni, non ha abbassato l’attenzione per una delle località simbolo del territorio. Infatti la borgata, grazie ad un intervento di poco meno 900 mila euro, finanziato con risorse del POC 2014-2020, entra in un progetto di ripopolazione e di promozione di attività economiche e socio-culturali di intrattenimento.

L’intervento riguarda un tratto di circa 300 metri dell’asse viario principale che comprende la via S. Catalano e i relativi vicoli che si innestano ‘a pettine’ sulla via centrale, sia a valle che a monte, tra cui la piazza S. Bonfiglio e la Piazza Bevaio, con lo storico abbeveratoio. Abbiamo sentito il sindaco Francesco Stabile, qual è stato l’iter procedurale?
“Questo progetto è stato approvato in linea tecnica ed amministrativa nel 2010 in un’ottica di riqualificazione e ammodernamento del centro storico di San Marco – spiega al QdS.
I fondi erano dell’allora Po-Fesr 2007-2013 dello sviluppo urbano sostenibile. Nel dettaglio, il primo atto per il recupero qualitativo e funzionale dell’antico nucleo risale al mese di Luglio 2010, quando, in qualità di Assessore al Turismo, ho avuto il piacere di approvarne in giunta il progetto definitivo – continua. Da allora non ho mai perso di vista questo obiettivo, che oggi sto per realizzare da Sindaco. Le opere finanziate con fondi Europei Po Fesr Sicilia hanno avuto la loro approvazione esecutiva nello scorso mese di Marzo e si prevede l’inizio dei lavori entro la fine del 2021”.

Quali interventi verranno fatti? “Ripristineremo l’asse viario centrale intitolato a Simone Catalano – prosegue Stabile – l’antico abbeveratoio con il sistema idrico, tutti i vicoli che si ramificano dalla strada principale, faremo un nuovo sistema fognario e di illuminazione”. L’obiettivo?
“Recuperare l’entità del luogo senza intaccarne la storicità. Una volta al mese intendiamo creare delle zone pedonali per far rivivere questi luoghi e fare in modo che i cittadini e non solo possano passeggiare in un angolo storico valdericino”. La borgata di San Marco, che nel 1861 contava 413 residenti e rappresentava il nucleo storico di Valderice con un’origine prevalentemente rurale, oggi ha perso la sua identità e i valori legati alla tradizione anche a causa dello svuotamento avvenuto intorno agli anni ’80 del secolo scorso.

“Per questo motivo un intervento di quasi 1 milione di euro, per un comprensorio così piccolo, rappresenta davvero un grande progetto”, commenta il sindaco durante l’intervista ed aggiunge: “Tanto lavoro, e poca ‘improvvisazione’, è stato necessario per arrivare fin qui. A breve, avrò il piacere e l’onore, insieme alla mia Giunta, di incontrare i cittadini di San Marco, per presentare ed illustrare il progetto alla comunità. Il recupero di questo luogo, ricco di tradizione e storia, ci sta particolarmente a cuore”.

Un’ultima battuta, c’è qualche altro progetto in itinere? “Inaugureremo a breve l’inizio dei lavori per il restauro delle antiche muciare (imbarcazioni dei tonnaroti di inizio secolo) attualmente depositate nei giardini della tonnara di Bonagia. Lavoreremo anche per la riqualificazione di tutto il borgo marinaro, così come descritto nel nostro programma politico. Il 21 giugno abbiamo aperto le buste per la gara d’appalto, penso che tra un mese avremo modo di inaugurare il cantiere”, ha concluso Stabile.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x