Scienziati italiani imprigionano il rumore nel labirinto - QdS

Scienziati italiani imprigionano il rumore nel labirinto

redazione web

Scienziati italiani imprigionano il rumore nel labirinto

martedì 21 Dicembre 2021 - 07:08

L'innovativo pannello contro l'inquinamento acustico progettato di sei giovani studiosi dell’Asp, l'Alta Scuola dei Politecnici di Milano e di Torino. Stampato in 3D è estremamente versatile


“Metamateriali” antirumore per pannelli “labirintici” in grado di assorbire le onde sonore trasmesse nell’ambiente: questa la nuova tecnologia messa a punto da sei studenti – Leonardo Bettini, Venus Hasanuzzaman Kamrul, Emanuele Musso, Fabio Nistri, Davide Piciucco e Matteo Zemello – dell’Alta Scuola Politecnica (Asp), il programma internazionale riservato ai migliori studenti del Politecnico di Milano e del Politecnico di Torino.

Il progetto è stato testato e validato al Dipartimento Energia-Denerg “Galileo Ferraris” del Politecnico di Torino, con il supporto dei professori Federico Bosia, Louena Shtrepi e Antonio Gliozzi.

Cosa sono i “metamateriali”

Vengono definiti “metamateriali” perché superano le potenzialità di quelli convenzionali per via non dei componenti con cui sono prodotti, ma della loro forma geometrica – labirintica – riproducibile con grande facilità.

Le strutture labirintiche fanno riflettere più volte l’onda acustica, che lentamente si riduce fino a cancellarsi, “perdendosi” nel labirinto.

Queste strutture sono in grado di smorzare più tipologie di rumore: dai suoni a media frequenza, tipici del parlato e di alcuni strumenti musicali, fino a quelli a bassa frequenza, causati dai motori.

I settori di applicazione sono vari, dall’edilizia all’automotive, fino agli impieghi domestici.

Elevato potenziale, stampati in 3D

Il lavoro ha dimostrato che i metamateriali labirintici hanno un elevato potenziale, in quanto la loro struttura leggera, poco ingombrante e fabbricata al 100% tramite la stampa 3D, rende possibile la costruzione di prodotti acustici con plastiche di scarto, senza compromettere le performance del pannello, ma riuscendo ad abbattere i costi finali.

Un possibile settore d’impiego potrebbe essere quello dell’aeronautica. L’applicazione del pannello nella fusoliera di un aereo consentirebbe sia di isolare i passeggeri all’interno dal rumore esterno, sia di ridurre l’inquinamento acustico ambientale provocato dal velivolo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684