Servizi educativi per l'infanzia, rischio “salasso” per le famiglie - QdS

Servizi educativi per l’infanzia, rischio “salasso” per le famiglie

redazione

Servizi educativi per l’infanzia, rischio “salasso” per le famiglie

giovedì 11 Giugno 2020 - 00:00
Servizi educativi per l’infanzia, rischio “salasso” per le famiglie

Rapporto Istat, nelle Isole i posti disponibili negli asili nido coprono solo il 13,5% dell'utenza, contro una media nazionale del 24,7%. L'emergenza sanitaria solleva preoccupazione sulla gestione delle strutture comunali, già in grave deficit, e sul rincaro delle rette in quelle private

ROMA – Una “carenza strutturale” nella disponibilità di servizi educativi per la prima infanzia rispetto al potenziale bacino di utenza (bambini di età inferiore a 3 anni) e una distribuzione profondamente disomogenea sul territorio nazionale. È quanto emerge dal Rapporto “Nidi e servizi educativi per l’infanzia, stato dell’arte, criticità e sviluppi del sistema educativo integrato”, frutto dell’accordo di collaborazione triennale stipulato a fine 2018 tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche della Famiglia – l’Istat e l’Università Ca’ Foscari Venezia. I posti disponibili nei nidi e nei servizi integrativi pubblici e privati – viene spiegato – corrispondono mediamente al 12,3% del bacino potenziale di utenza al Sud e al 13,5% di quello delle Isole, contro una media nazionale del 24,7% (anno scolastico 2017/2018). Una dotazione ben al di sotto – viene fatto notare nello studio – dell’obiettivo del 33% fissato per il 2010 dal Consiglio europeo di Barcellona del 2002.

“Dal nostro report si evidenzia che i territori del Mezzogiorno sono più svantaggiati riguardo ai servizi educativi per l’infanzia”: questo il commento del presidente dell’Istat Gian Carlo Blangiardo. “In generale il 51% di questi sono pubblici” e si rileva “una maggiore concentrazione di strutture nei Comuni più grandi e sviluppati mentre soffrono carenze il sud e i piccoli centri urbani”.

Nel rapporto viene messo in evidenza che come l’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 abbia sollevato alcune preoccupazioni, principalmente per le possibili ripercussioni sulla gestione dei nidi da parte dei Comuni, i quali già risentono delle mancate entrate e dei rimborsi dovuti alle famiglie per le rette afferenti al periodo di chiusura delle strutture educative.

Analoghe preoccupazioni riguardano il settore privato, anche per le inevitabili ripercussioni economiche che la crisi avrà sulle famiglie, riducendo la loro capacità di spesa e condizionando la scelta di frequenza dei bambini ai servizi educativi per l’infanzia. Altro aspetto messo a fuoco da Rapporto è che introduzione dei “bonus nido” ha dato un impulso positivo allo sviluppo del sistema, contribuendo probabilmente all’aumento della domanda e dei tassi di utilizzo dei servizi registrato negli anni più recenti. I dati delle più recenti indagini campionarie evidenziano – viene sottolineato nel Rapporto – un andamento temporale positivo, con tassi di iscrizione al nido crescenti ma ancora al di sotto del 30% nel 2019. Ulteriori miglioramenti sono condizionati alle risorse aggiuntive che ancora dovranno essere dedicate a questo settore.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684