Servizi sociali e gestione dei minorenni. Il Comune ha avviato una ricognizione - QdS

Servizi sociali e gestione dei minorenni. Il Comune ha avviato una ricognizione

redazione

Servizi sociali e gestione dei minorenni. Il Comune ha avviato una ricognizione

sabato 03 Agosto 2019 - 08:00
Servizi sociali e gestione dei minorenni. Il Comune ha avviato una ricognizione

Dati essenziali su cui si baserà la progettazione di ogni programma e modalità d’intervento. L’assessore Giuseppe Mattina ha chiesto una “dettagliata relazione” agli uffici competenti

PALERMO – Una “dettagliata relazione” sulla situazione complessiva di tutte le bambine e i bambini, le ragazze e i ragazzi in carico ai servizi sociali del Comune è stata richiesta – con un’apposita direttiva inviata al capo area della Cittadinanza solidale e al dirigente del servizio Sostegno alla comunità, contrasto alla povertà e servizio sociale del Comune – dall’assessore Giuseppe Mattina.

La relazione, così come specificato dal rappresentante dell’Amministrazione guidata dal sindaco Leoluca Orlando – dovrà anche specificare le situazioni dei minori fuori famiglia e accolti in strutture di accoglienza e in progetti di affido, da quanto tempo sono attive le prese in carico, l’esistenza di specifici Pei (Piani educativi individualizzati) e di progetti di accompagnamento all’autonomia, oltre all’esistenza di percorsi di sostegno alle famiglie di origine.

“Palermo – ha commentato Mattina – è sempre stata attenta, anche grazie a una efficiente rete di collaborazioni istituzionali e un proficuo rapporto col privato sociale, con le associazioni dei genitori e delle famiglie affidatarie, alla cura dei bambini e delle bambine in condizioni di vulnerabilità. Di questo sistema, sono sempre stati parte integrante il continuo monitoraggio e la continua verifica dei risultati e del benessere dei più giovani”.

“Proprio su questi dati – ha concluso l’assessore – ci basiamo e ci baseremo per la progettazione di ogni programma e ogni progetto di intervento”.

Insomma, un passaggio voluto per fare un quadro dettagliato della situazione e subito ripartire con l’obiettivo di assicurare servizi sempre più efficienti. Un’attività essenziale e doverosa, soprattutto in un settore, quello della cura dei minori affidati ai servizi sociali, fondamentale per dare speranza a chi nella vita è stato meno fortunato.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684