Catania, si è aperta una “voragine” al centro di via Ficarazzi - QdS

Catania, si è aperta una “voragine” al centro di via Ficarazzi

Ivana Zimbone

Catania, si è aperta una “voragine” al centro di via Ficarazzi

sabato 01 Febbraio 2020 - 00:00

Nella strada che arriva in piazza Lanza l’asfalto sembra essere costruito sul nulla

CATANIA – Da più di una settimana, nei pressi di Piazza Lanza, una voragine si è aperta. Così le macchine hanno visto deviare il loro percorso, ma i pedoni no. La cosa più grave, forse, è che la strada sembri essere costruito sul nulla. Circa 10 giorni fa, l’asfalto di via Ficarazzi, nel tratto che la unisce a Piazza Lanza, ha ceduto. La polizia municipale è prontamente intervenuta per deviare il transito delle auto e dei motoveicoli e per porre sopra la buca un piccolo spartitraffico di plastica bianca. Tuttavia, la mancanza di sicurezza sembra caratterizzare ancora l’area, visto che pedoni poco attenti, come anziani e bambini, potrebbero inavvertitamente spostare il leggero spartitraffico e cadervi dentro, non essendo completamente transennata la parte interessata. Ma c’è di più, quella di via Ficarazzi non è una semplice buca, bensì una vera e propria voragine: sotto la porzione in cui manca il manto stradale sembra esserci il “nulla”, il vuoto. Una condizione singolare quella de “l’asfalto senza riempimento”, che né l’assessore delegato alle Manutenzioni, Giuseppe Arcidiacono, né il presidente della Terza Circoscrizione (Borgo – Sanzio), Paolo Ferrara, riescono a spiegarsi.

Insomma, la città etnea non smette di allarmare i catanesi, anche durante le loro normali attività quotidiane. Basti pensare al crollo, avvenuto qualche giorno fa, della palazzina tra via Plebiscito e via Castromarino. O anche alla voragine che si è aperta in via Felice Fontana nel febbraio di due anni fa, con un camion che è addirittura ci è finito dentro. Entrambi gli episodi sembrano essere stati attribuiti ai lavori per la Metropolitana, ma non si conoscono ancora le cause di quanto successo a Piazza Lanza. E sono proprio i precedenti a destare la preoccupazione degli abitanti della zona che, oltre al conclamato rischio di terremoto dovuta all’estrema vicinanza dell’Etna, temono l’ulteriore possibilità di “sprofondare nel vuoto” in qualsiasi momento.

L’assessore Arcidiacono fa sapere che ai pedoni sia stato reso impossibile l’accesso e assicura che la strada verrà messa in sicurezza: “Ho saputo per caso, recandomi sul luogo, della condizione in cui versa l’asfalto di via Ficarazzi. La porzione pericolosa è stata transennata anche per i pedoni e sarà mia premura assicurare che venga riparata rapidamente, credo entro i prossimi due giorni”, ha detto.

Paolo Ferrara, invece, è stato avvertito di quanto accaduto in prima persona, dai cittadini: “Mi è arrivata una segnalazione dai catanesi della circoscrizione di cui sono presidente, perché hanno il mio numero. Rimango disponibile a fornirlo a tutti coloro che non l’avessero, perché le segnalazioni dei cittadini rimangono fondamentali. Infatti, se opportunamente provate da fotografie, consentono all’amministrazione di conoscere istantaneamente le problematiche del territorio, sollecitando anche l’intervento degli uffici di competenza al fine di risolverle con prontezza”, ha dichiarato.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684