Variante Omicron, attenti ai sintomi diversi e insoliti - QdS

Variante Omicron, attenti ai sintomi diversi e insoliti

redazione web

Variante Omicron, attenti ai sintomi diversi e insoliti

domenica 28 Novembre 2021 - 10:31

L'associazione medica sudafricana parla di "dolori ed estrema stanchezza anche nei giovani". Preoccupazione per gli anziani, i diabetici e i cardiopatici. Locatelli e le mutazioni della proteina Spike

La variante Omicron, individuata anche in Italia con un caso in Campania, probabilmente è più contagiosa. I sintomi, però, appaiono lievi.

A far luce sulla variante e sulle sue caratteristiche contribuisce la la South African Medical Association (Sama), l’associazione medica del Sudafrica.

Nel Paese, dove la variante è stata scoperta, i positivi hanno manifestato sintomi “insoliti ma lievi”.

In un’intervista alla Bbc la presidente dell’Associazione, Angelique Coetzee, spiegando che la ricerca sulla variante è ancora in una fase iniziale, ha detto che “i pazienti si lamentano principalmente di un corpo dolorante e stanchezza, estrema stanchezza, e lo vediamo nelle giovani generazioni, non nelle persone anziane”. La Coetzee ha sottolineato che solo il 24% della popolazione del Paese è completamente vaccinato.

Tuttavia, nei commenti ad altri media, la Coetzee ha espresso preoccupazione per gli effetti che la variante potrebbe avere sulle persone anziane con malattie cardiache o diabete.

In Italia, Franco Locatelli, coordinatore del Comitato tecnico scientifico, ha detto che “Non è chiaro ad oggi se questo ceppo avrà maggior capacità di provocare malattia grave, ma l’attenzione deve essere mantenuta al livello più elevato e bene ha fatto per primo il ministro Speranza, seguito poi dagli altri Ministri Ue, a interrompere tempestivamente accessi e voli dagli otto Paesi che ne sono stati investiti”.

Quanto alla resistenza ai vaccini della nuova variante, “è la domanda cruciale – ha detto Locatelli – perché la presenza di mutazioni nelle regioni della proteina Spike riconosciuta dagli anticorpi o dalle cellule T linfocitarie potrebbe ridurre parzialmente l’efficacia dei vaccini”.

“Tuttavia – ha concluso – , solo ulteriori valutazioni ci daranno una risposta fondata sull’evidenza”. (ADNKRONOS)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684