Aeroporti, al via la continuità territoriale da Comiso e Birgi - QdS

Aeroporti, al via la continuità territoriale da Comiso e Birgi

redazione

Aeroporti, al via la continuità territoriale da Comiso e Birgi

venerdì 30 Ottobre 2020 - 00:08
Aeroporti, al via la continuità territoriale da Comiso e Birgi

Dal 1° novembre si potrà volare da Trapani a Brindisi, Napoli, Parma, Perugia, Trieste, Ancona a poco più di 50 euro. Presto si affiancheranno a questa le tariffe sociali da Catania e Palermo con sconti sul biglietto del 40%

PALERMO – I siciliani che dal primo novembre viaggeranno da e per gli aeroporti di Comiso e Trapani in direzione di alcune città italiane, in fase di prenotazione si accorgeranno di questa piacevole novità: ‘Gentile passeggero, in questa rotta sono presenti tariffe agevolate per i residenti della Regione Sicilia…’. Proprio così. Dopo averla desiderata e invocata per decenni, finalmente i siciliani potranno usufruire di tariffe agevolate per raggiungere il resto del Paese.

“Prima da vice presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana e successivamente da vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti mi sono battuto senza sosta per raggiungere questo importante risultato. E finalmente, dall’1 novembre prossimo, per la prima volta in Sicilia, da Trapani e Comiso i siciliani potranno volare tutto l’anno a prezzi bassi e fissi – annuncia Giancarlo Cancelleri, vice ministro delle Infrastrutture e trasporti -. Questo risultato, prima ancora di essere una vittoria del governo Conte e del Movimento 5 Stelle, con orgoglio dico che è una vittoria dei siciliani, che da sempre sono costretti a sobbarcarsi costi, spesso proibitivi, per spostarsi nel resto d’Italia”.

Con un prezzo fisso per tutto il periodo dell’anno, tutti i giorni, anche nei periodi delle festività natalizie per esempio o durante le ferie estive, cioè anche in quei periodi di alta stagione in cui il caro voli ha raggiunto livelli altissimi, i residenti in Sicilia, dall’aeroporto Pio La Torre pagheranno la tratta Comiso-Roma Fiumicino con Alitalia solo 58,02 euro. Invece, dall’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Birgi, potranno andare a Napoli, con la compagnia Albastar, a soli 51,15 euro oppure, con la compagnia Tayaranjet, a Perugia a soli 51 euro e 69 centesimi.

“Da anni sentiamo parlare di continuità territoriale, ma solo con il governo del premier Conte, già con l’allora ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, si è passati dalle parole ai fatti. Un’altra promessa mantenuta – conclude il vice ministro Cancelleri – alla quale presto si affiancheranno le tariffe sociali da Catania e Palermo per il resto del Paese, che permetteranno ai siciliani di acquistare i biglietti con uno sconto del 40%. Una altra pagina di storia importante per la Sicilia e per noi siciliani, che finalmente non saremo isolati”.

Abbiamo lavorato a lungo per salvare l’aeroporto di Trapani, garantire alla Sicilia occidentale il trasporto aereo e puntato sulla continuità territoriale per contrastare il dramma del caro volo da e per la nostra Isola. Oggi raggiungiamo un primo traguardo: sono già in vendita i voli a tariffa agevolata con partenza da Birgi verso ben sei destinazioni nazionali. Al momento solo la pandemia e la relativi crisi dei trasporti aerei, ci impedirà di vedere nell’immediato i benefici di questi misura su cui il mio governo ha investito quasi venti milioni di euro” – ha detto il presidente della Regione, Nello Musumeci.

“Da oggi – aggiunge l’assessore regionale ai Trasporti Marco Falcone – sarà possibile volare da e per Trapani con tariffe che oscillano fra i 50 e i 70 euro offerte dalle compagnie aeree Albastar e Tayaranjet. Le mete saranno scali strategici come Brindisi, Napoli, Parma, Perugia, Trieste, Ancona. Assieme ai voli che partiranno anche dall’aeroporto di Comiso, la continuità territoriale diventa una realtà per tutti i siciliani che, da anni, attendevano sostegno rispetto alla penalizzante situazione dei collegamenti con il resto del Paese, data anche l’assenza del ponte sullo Stretto”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684