Carburanti, in calo il consumo di diesel - QdS

Carburanti, in calo il consumo di diesel

Marco Carlino

Carburanti, in calo il consumo di diesel

sabato 25 Gennaio 2020 - 00:00

Mise: dopo 16 anni di dominio si registra una inversione di tendenza in favore della benzina. Gasolio: -20.000 tonnellate. L’immatricolazione di auto a benzina cresce del 9%

ROMA – Dopo sedici anni di dominio si interrompe la crescita di consumo del diesel e il calo di quello della benzina.

Questo è quanto emerge dai dati forniti dal ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dall’Unione Petrolifera. Nell’anno appena concluso si osserva che gli italiani hanno consumato meno gasolio e hanno bruciato più benzina. Numeri che possono essere spiegati come la naturale conseguenza della campagna contro il diesel, sempre più nell’occhio del ciclone quando si parla di smog ed inquinamento.

Nello specifico vengono i numeri dell’intero 2019 in cui risalta l’andamento contrastante dei due carburanti: la benzina è cresciuta di 4mila tonnellate mentre il gasolio è precipitato di oltre ventimila tonnellate. Analizzando invece solo il mese di dicembre, rispetto al 2018, nello stesso mese la benzina ha mostrato una crescita dell’1% (seimila tonnellate in più bruciate mentre il gasolio per motori ha perso lo 0,6% (cioè undici mila tonnellate in meno, in più il gasolio venduto sulla rete dei distributori stradali è addirittura del 3,5%).

Lo scorso anno i consumi petroliferi italiani sono ammontati a 60,4 milioni di tonnellate, con un rallentamento dello 0,9% rispetto al 2018. I consumi di carburanti per motori (benzina e gasolio) sono risultati pari a 31,1 milioni di tonnellate, con un calo dell’1% (poco più di trecentomila tonnellate in meno).

Sempre nel 2019 le immatricolazioni di automobili nuove (circa 1.916.000) hanno evidenziato una crescita dello 0,3%. In particolare quelle diesel hanno rappresentato appena il 39,8% del totale, rispetto al 51,2% nel 2018), mentre quelle a benzina sono schizzate fino al 44,5% contro il 35,5% nel dicembre 2018).

Secondo gli esperti dell’Unione petrolifera a pesare su questa netta flessione è la penalizzazione, con blocchi del traffico, di questo tipo di alimentazione. Penalizzazioni che disorientano gli automobilisti nelle loro scelte, nonostante le nuove motorizzazioni euro 6 abbiano raggiunto emissioni prossime allo zero. Per quanto concerne i veicoli a consumo cosiddetto “ecologico” lo scorso anno il peso delle auto a Gpl è stato del 7,1%, delle ibride del 6%, a metano del 2% mentre per le elettriche dell’appena 0,6%.

La debole dinamica del commercio mondiale – spiega Unione Petrolifera – che è stata particolarmente penalizzata dalla guerra dei dazi fra Usa e Cina (+1,1% nel 2019, rispetto al 3,6% del 2018), e il conseguente rallentamento dell’economia mondiale, hanno determinato per l’industria petrolifera nazionale, tradizionalmente una fortissima esportatrice, una frenata delle esportazioni (-6,0%) e il rallentamento dell’1,7% delle lavorazioni delle raffinerie. “Questi numeri però rappresentano un recupero rispetto agli andamenti decisamente più negativi del primo semestre” conclude l’associazione.

I bitumi, sostenuti dalla ripresa della manutenzione stradale, hanno confermato il trend di crescita (+183mila tonnellate, +12,8%): i volumi, pari a oltre 1,6 milioni di tonnellate, sono comunque inferiori del 46% rispetto al picco del 2004, restando quindi ancora limitati anche rispetto al bisogno manutentivo delle strade.

Infine, registrano un aumento il cherosene carboturbo, che ha mostrato un progresso del 4,3% (+202mila tonnellate), i lubrificanti del 2,8% (+11 mila tonnellate) e il Gpl dell’1,5% (+50 mila tonnellate).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684