Covid, Crisanti: "Errore del governo non insistere sulla quarta dose per tutti"

Covid, Crisanti: “Errore del governo non insistere sulla quarta dose per tutti”

Daniele D'Alessandro

Covid, Crisanti: “Errore del governo non insistere sulla quarta dose per tutti”

Redazione  |
mercoledì 04 Gennaio 2023 - 18:41

Il microbiologo e senatore Pd Andrea Crisanti crede che il Governo debba incentivare la popolazione a effettuare la quarta dose di vaccino

Il microbiologo e oggi senatore Pd, Andrea Crisanti, lancia delle frecciate al Governo sulla gestione attuale dei vaccini anti Covid.

Secondo Crisanti, infatti, specialmente alla luce di quanto sta accadendo in Cina, l’esecutivo dovrebbe spingere la popolazione all‘inoculazione della quarta dose, secondo lui essenziale per proteggersi anche dalle nuove ondate del coronavirus.

“Sappiamo che la protezione della vaccinazione anti Covid purtroppo non dura a lungo – spiega Crisanti a Sky Tg 24 – Penso però che nessuno voglia stare tra un anno, un anno e mezzo in una situazione di vulnerabilità. Fa male, quindi, il Governo a non insistere sulla necessità di campagne di vaccinazione per tutti. C’è la necessità di una campagna massiccia per la quarta dose, ma né la premier Giorgia Meloni né il ministro della Salute, Orazio Schillaci, in Senato hanno pronunciato la parola ‘vaccino’“.

“L’importanza della vaccino anti Covid è provata anche dalla situazione in Cina”

Essere tutti vaccinati che protegge in gran misura anche i fragili – continua Crisanti – L’importanza della vaccinazione è dimostrato anche da quanto accade oggi in Cina. Quello che stiamo vedendo nel Paese asiatico – che in questo momento ha un elevatissimo indice di trasmissione, con una persona infetta che contagia 12-15 persone – in Italia non accade perché le persone vaccinate bloccano la catena di trasmissione. Se non insistiamo e non facciamo una campagna per la vaccinazione, avremo la maggior parte delle persone vulnerabili, il che significa che una variante può diffondersi rapidissimamente e mettere in pericolo anche i fragili. La maggior parte delle persone che hanno complicazioni gravi o che muoiono, sono fragili che si sono vaccinati. Non è scontato che il fragile vaccinato sia protetto. E’ una responsabilità nostra che non accada il peggio. Quando si dice ‘vaccinate i fragili e dimenticate tutto il resto’ non si ricorda che anche vaccinare tutti li protegge”.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001