Scuola, Covid, per tornare in classe niente tampone, solo green pass - QdS

Scuola, Covid, per tornare in classe niente tampone, solo green pass

web-mp

Scuola, Covid, per tornare in classe niente tampone, solo green pass

web-mp |
sabato 29 Gennaio 2022 - 09:00

Il decreto pubblicato in Gazzetta ufficiale prevede anche la distribuzione gratuita delle mascherine Ffp2 ad alunni e docenti in autosorveglianza

Norme anti Covid, a scuola. Un aggiornamento del decreto pubblicato in GU, lo scorso 27 gennaio, permette allo studente in regime di autosorveglianza, dalle elementari alle superiori, in possesso di Super Green pass potrà tornare in classe solo con la verifica della carta verde, senza effettuare il tampone negativo o di certificato medico.

Semplificazioni nelle regole anti Covid a scuola

Le nuove misure, dunque, approvate nel decreto bollette e altre previste in un Cdm, forse di lunedì, dovrebbero portare a un allineamento delle elementari alle stesse regole che valgono per le superiori. E si parla anche dei test che saranno gratuiti pure alle elementari, le cui famiglie potranno rivolgersi ai pediatri.

Mascherine Ffp2 ad alunni e docenti in autosorveglianza

Nel nuovo decreto è inoltre previsto lo stanziamento 45,22 milioni di euro per garantire la fornitura di mascherine Ffp2 ad alunni e personale scolastico in regime di autosorveglianza delle scuole medie e superiori. Secondo il decreto, la fornitura sarà in capo agli istituti scolastici: le scuole, una volta accertata la necessità di mascherine, dovranno fare richiesta di mascherine a farmacie o altri rivenditori convenzionati e occuparsi della relativa distribuzione.

Test rapidi gratuiti anche per gli studenti delle scuole primarie

Novità sul fronte dello screening e del testing anche per gli alunni della scuola primaria, che potranno accedere gratuitamente ai test antigenici rapidi. I test saranno disponibili non solo presso gli ospedali o le strutture di sanità pubblica territoriali, ma anche nelle farmacie e nelle strutture convenzionate.

Ministro Bianchi

Semplificazioni si ma “con cautela”, avverte il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che guarda ai nuovi dati sulle lezioni in presenza con relativa soddisfazione, consapevole però che in una settimana c’è stata una diminuzione di circa sei punti percentuali di alunni nelle classi. “C’è stato un peggioramento generale del Paese e quindi si è risentito, ma più dell’80% dei nostri ragazzi è a scuola in presenza”, dice.

Scuole, poi, ancora al centro di nuove modifiche nel prossimo decreto: si studia la possibilità alle elementari di evitare il ricorso alla didattica a distanza per gli studenti vaccinati; è quasi certo che, come per le superiori, si andrà a casa solo dai tre contagi in su.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684