Guerra Russia-Ucraina, tensione con le navi Nato nel Canale di Sicilia, i pericoli - QdS

Guerra Russia-Ucraina, tensione con le navi Nato nel Canale di Sicilia, i pericoli

web-la

Guerra Russia-Ucraina, tensione con le navi Nato nel Canale di Sicilia, i pericoli

web-la |
mercoledì 02 Febbraio 2022 - 16:23

Da giorni ormai al largo della Sicilia ci sono navi russe provenienti dall'Atlantico e dirette forse nel Mar Nero, verso l'Ucraina

La tensione è alle stelle nel bel mezzo del canale di Sicilia tra la Nato, la Russia e L’Ucraina. Come sempre succede in questi casi, soprattutto per quanto riguarda le questioni navali, sono più i tatticismi e il posizionamento a dare peso a quello che ste succedendo, e le ultime parlano di una situazione piuttosto complicata.

La mossa della Nato

Dalle immagini riprese dallo spazio – analizzate dal sito francese Coupsure – mostrano un altro elemento significativo: una fregata della Nato ha seguito le navi russe a distanza ravvicinatissima. Si tratta della Hansen, un’unità norvegese che è la vedetta avanzata della task force guidata dalla portaerei americana Truman. Mentre le navi di Mosca avanzavano tra Malta e la Sicilia, i marinai norvegesi hanno mantenuto “il contatto ottico”: un modo di far sentire la pressione del confronto internazionale.

Le navi in Sicilia

Da giorni ormai al largo della Sicilia ci sono navi russe provenienti dall’Atlantico e dirette forse nel Mar Nero, verso l’Ucraina. Sono sei navi da sbarco, cinque della classe Ropucha e una della nuova classe Ivan Gren. Le unità Ropucha (Olenegorsky Gorniak, Kaliningrad, Minsk, Georgi Pobedonosets e Kondopoga) sono vecchie, ma rimodernate.

Lunghe 112 metri, dislocano 4.080 tonnellate e possono portare 10 carri armati pesanti e 340 soldati ciascuna, o in alternativa 3 carri pesanti, 8 carri leggeri e 12 autoblindo anfibie BTR. La nave classe Gren, la Pyotr Morgunov, è invece nuovissima, in servizio dal 2018, lunga 135 metri e dislocante 6.600 tonnellate. Questa può far sbarcare 13 carri pesanti, o 40 blindo BTR, e 300 soldati. In totale, la flottiglia porterebbe forse 1500 soldati e 60 carri.

Primi movimenti a gennaio

Le navi, come detto, stanno transitando dal Canale di Sicilia, sorvegliate da aerei americani, come i pattugliatori P-8 Poseidon di base a Sigonella o i caccia F-18 Hornet imbarcati sulla portaerei Harry Truman, affiancata dal sottomarino nucleare Georgia, armato con missili da crociera Tomahawk. La Marina italiana è presente con la portaerei Cavour, mentre i tedeschi affiancano gli alleati con la fregata Schleswig-Holstein.

Preparazione, non attacco

Si tratta, allo stato attuale, si esercitazioni, che non significano la preparazione di un vero attacco, il russo ha ricordato come già nel 2003 gli Usa abbiano montato la guerra contro l’Iraq sulla base di false prove di armi chimiche e ha attaccato l’americana che «fa diplomazia da microfono».

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684