Lavoro, allarme Cgil, in Sicilia meno occupati e più nero - QdS

Lavoro, allarme Cgil, in Sicilia meno occupati e più nero

redazione

Lavoro, allarme Cgil, in Sicilia meno occupati e più nero

giovedì 19 Settembre 2019 - 04:43

Sono stati ben 51.509 i posti perduti dal 2012 al 2018. Per non parlare degli irregolari saliti al 21,2%. L'aumento degli incidenti mortali sul lavoro. Mannino (Cgil), "Ripristinare la legalità e ripristinare la macchina ispettiva"

In Sicilia diminuisce il numero degli occupati e aumenta in termini percentuali il lavoro nero e irregolare.

Dal 2012 al 2018 si registrano 51.509 occupati in meno e il lavoro irregolare è cresciuto dal 19,5% al 21,2% (Italia al 13,3% al 13,4%). Alla crescita del lavoro irregolare si accompagna l’aumento degli infortuni sul lavoro, con un +0,5% tra il 2018 e il 2019 (primo semestre).

Tra il 2016 e il 2017 gli incidenti mortali sono passati da 77 a 84. Sono dati diffusi dalla Cgil regionale che sull’argomento ha tenuto una conferenza stampa per illustrare le richieste del sindacato per “ripristinare la legalità nel lavoro”.

“In Sicilia – ha detto il segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino – oltre al problema della mancanza di lavoro si palesa un problema di qualità del lavoro. Lavoro irregolare significa infatti lavoro sottopagato, mancato rispetto delle normative su salute e sicurezza, evasione contributiva e fiscale”.

A quest’ultimo proposito si stima che il mancato gettito a causa del lavoro nero sia di 3 miliardi l’anno. La Cgil chiede che venga potenziato il sistema dei controlli “oggi – ha detto Franco Tarantino, del dipartimento salute e sicurezza del sindacato – inadeguato e sottodimensionato”.

Da qui l’appello del sindacato alle istituzioni a “ristrutturare la macchina ispettiva – ha detto Mannino – e a intervenire per favorire l’incrocio tra domanda e offerta nei luoghi pubblici, collocamento pubblico e centri per l’impiego”. Secondo lo studio della Cgil, “occorrerebbero almeno 300 ispettori del lavoro (attualmente sono 94) , incrementando i numeri anche degli ispettori Inail (dagli attuali 20 a 40) e Inps (da 103 a 200). Basti pensare- ha detto Tarantino- che in una provincia come Palermo gli ispettori del lavoro sono solo quattro”.

“La Sicilia – ha rilevato – può contare oggi su 237 ispettori in tutto a fronte di 368.816 imprese attive, Se ne controllassero una al giorno, occorrebbero sette anni per controllarle tutte”.

“Si aggiunge- ha rilevato Franco Campagna, della Fp Cgil- l’elemento di demotivazione derivante da un sistema di incentivi molto lontano dagli standard nazionali”. Allo stato attuale peraltro la Sicilia non è inclusa nel concorso nazionale per nuovi ispettori del lavoro.

La Cgil chiede anche l’apertura di tavoli presso le prefetture per programmare interventi mirati nei settori a più alta incidenza di lavoro irregolare: agricoltura, edilizia , ristorazione, commercio, ambiti in cui i tassi stimati di lavoro irregolare (2018) sono rispettivamente 38%, 25%, 21,5% per il complesso dei servizi a cui si aggiunge l’11,9% del manifatturiero.

“Finora – ha rilevato Monica Genovese, della segreteria regionale Cgil – ci pare che il problema sia stato sottovalutato se protocolli come quello siglati nel 2017 con l’allora assessore al lavoro per promuovere azioni contro sfruttamento, caporalato e illegalità nel lavoro rimangono lettara morta. Dal canto nostro promuoveremo anche contrattazione inclusiva per contrastare il fenomeno”.

Tornando ai dati, nelle isole, nel primo semestre del 2018 i morti sul lavoro sono stati 58 mentre nello stesso periodo del 2018 sono stati 46. Il saldo tra occupazione e infortuni è negativo dal 2013, Lo studio rileva anche il fenomeno dell’inabissamento delle imprese ” non essendoci corrispettivo tra Pil delle costruzioni e calo dell’occupazione in edilizia settore che sconta 95 mila posti di lavoro in meno dal 2012″.

“I tassi di irregolarità- ha osservato Mannino- sono doppi rispetto alla media nazionale. Una situazione insostenibile che necessita di interventi urgenti. Per questo chiediamo l’apertura di tavoli di confronto col Governo regionale per affrontare le criticità esistenti agendo anche con apposite normative”.

Tra le norme proposte anche un sistema premiale per chi denuncia la propria condizione di lavoratore in nero, inserendolo in apposite graduatorie dalle quali attingere negli appalti pubblici”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684