Messina, valorizzare le imprese del territorio - QdS

Messina, valorizzare le imprese del territorio

Lina Bruno

Messina, valorizzare le imprese del territorio

giovedì 09 Gennaio 2020 - 00:01
Messina, valorizzare le imprese del territorio

Si è insediato il nuovo segretario generale della Camera di Commercio, Paola Sabella. Innovazione digitale, sostegno all’occupazione, rilancio del turismo e internazionalizzazione

MESSINA – Consolidare la svolta digitale, avviata con il Pid, in tutti i settori; agevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro; programmare il rilancio delle imprese provinciali attraverso i porti, il turismo e l’internazionalizzazione. Si muoverà su queste direttrici, per i prossimi quattro anni, il nuovo segretario generale della Camera di Commercio di Messina, Paola Sabella.

“Questo è un ente storico – ha detto – che abbraccia un territorio di 108 Comuni con tante eccellenze da valorizzare. Darò attuazione alla sua visione strategica, portando avanti gli obiettivi già posti in essere in questi due anni di mandato: la rivoluzione culturale digitale, essenziale per creare occupazione; l’orientamento alla formazione e al lavoro, intensificando le relazioni con il mondo della scuola e l’Università; il turismo; la semplificazione amministrativa e la sburocratizzazione, per venire sempre più incontro alle esigenze delle imprese; l’elaborazione di progetti strategici, integrati e caratterizzanti l’identità del territorio; l’internazionalizzazione, a supporto delle piccole e medie imprese”. Nell’ottica del sostegno al mondo imprenditoriale, poi, Sabella ha annunciato l’istituzione, entro agosto, dell’Organismo di composizione delle crisi d’impresa (Ocri).

Soddisfatto il presidente Ivo Blandina del percorso fatto dalla Camera di Commercio negli ultimi due anni. “Abbiamo restituito centralità all’Ente – ha spiegato – intanto per quel che concerne il rapporto con le altre istituzioni, in quanto espressione del mondo produttivo e del lavoro. Abbiamo inoltre consolidato il legame con le associazioni di categoria e con il territorio, individuando i ‘driver’ da cui partire per programmare un concreto rilancio della nostra provincia”.

Tra questi “driver” il turismo occupa un posto importante. Messina è la provincia con le più alte presenze turistiche dell’isola, ma gran parte di questi numeri riguardano Taormina e le Isole Eolie, mentre le altre località restano marginali, compreso il capoluogo. “Il territorio messinese – ha affermato Sabella – è un grande gioiello tenuto in cassaforte e non valorizzato. Per ottenere risultati serve tempo: ci sono stati piccoli segnali di ripresa, ma bisogna alzare la qualità dell’offerta e lavorare sull’identità dei luoghi”.

Per Blandina ci sono però dei problemi infrastrutturali da superare, soprattutto nei collegamenti. Fra tutti la mancanza di un aeroporto di riferimento facilmente raggiungibile da tutta la provincia. L’obiettivo è comunque quello di migliorare e invertire il trend, ma servono investimenti e una strategia condivisa. La promozione non può essere fatta dai singoli Comuni in modo scollegato, ma necessita di una programmazione con delle linee guida precise a cui tutti possano fare riferimento, diventando attrattori con le proprie peculiarità. “Il mezzo milione annuale di croceristi in arrivo – ha detto Blandina – non sono diventati valore aggiunto. Abbiamo i due poli turistici più importanti della Sicilia, ma dobbiamo rendere fruibile anche ciò che sta nel mezzo. Qualcosa si vede col Distretto dei Nebrodi, un esempio positivo di capacità di mettere a sistema le risorse”.

Paola Sabella prende il posto di Alfio Pagliaro, che era allo stesso tempo segretario anche a Catania. “Siamo riusciti – ha detto Pagliaro – a portare avanti progetti importanti. Abbiamo formato giovani e istituito un laboratorio gemmologico eccellenza del territorio. Potevo dedicare a Messina solo due giorni a settimana, ma una Camera di Commercio con circa 60 mila imprese deve avere un segretario a tempo pieno. Durante questi anni di governance abbiamo avviato un’importante riorganizzazione. Lascio un Ente dove i dipendenti, malgrado la loro esiguità numerica, sanno fare squadra per garantire servizi di qualità alle imprese”.

Il personale, come ha ricordato anche Blandina, si ridurrà ancora quest’anno per i pensionamenti: l’età media è alta e si stanno cercando nuove soluzioni per continuare a garantire servizi efficienti. Occorre però, secondo i vertici della Cciaa, superare i vincoli che impediscono nuove assunzioni.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684