Sicilia, De Luca e il piano contro il caro energia - QdS

De Luca: “Appena eletto, subito nuovo piano energetico”

webms

De Luca: “Appena eletto, subito nuovo piano energetico”

webms |
venerdì 09 Settembre 2022 - 13:27

Se eletto, Cateno De Luca promette un nuovo piano energetico contro i rincari. Ecco di cosa si tratta.

Tra le priorità di Cateno De Luca, leader di “Sud Chiama Nord” e candidato alla presidenza della Regione Siciliana, c’è sicuramente il nuovo piano per affrontare il caro energia.

In vista delle elezioni del 25 settembre, De Luca ha illustrato durante un incontro a Catania i suoi progetti sulla questione energia e rincari.

Piano contro il caro energia e l’uso delle fonti rinnovabili secondo De Luca

“Sicilia, isola dell’energia – Sblocco definitivo delle attività imprenditoriali collegate alla produzione di energia rinnovabile per una Sicilia autonoma e produttrice di energia da vendere su tutto il territorio nazionale”. Questo è il progetto di Cateno De Luca, che promette sin da subito – in caso di vittoria alle elezioni – l’approvazione di un piano energetico speciale.

Un altro progetto per il rappresentante di “Sud Chiama Nord” è quello di puntare sul taglio delle accise su carburanti siciliani: “Senza abbandonare la battaglia per il taglio delle accise sui carburanti prodotti e venduti in Sicilia”.

Sul piano energetico, De Luca spiega: “Estraendo, al momento qualcosa come 2,8 mld di mc di gas, verranno ritrattate le compensazioni ambientale per il principio di compensazione sull’insularità e secondo un calcolo che tenga conto, retroattivamente, di cosa non è stato fatto per l’ambiente in Sicilia autorizzeremo l’Eni ad estrarre di nuovo 10 mln di mc di gas e terremo le compensazioni quali utili per compensare i costi dell’insularità”.

“Non ne vogliamo soldi per l’ambiente, ce li bonifichiamo noi i siti. Piuttosto abbattiamo il costo dell’energia, ma non sul costo del solo gas ma sul costo complessivo delle bollette e anche per le imprese diventando produttori di energia elettrica con le rinnovabili i cui impianti si realizzeranno con i fondi extra bilancio e si diventerà soci (si vogliamo azioni e non costi ambientali) delle compagnie che estraggono”.

Il sogno di una Sicilia autonoma

“Dire che la Sicilia potrebbe essere autonoma anche sul piano della produzione energetica è quasi scontato. Specie se consideriamo le fonti rinnovabili. Dire anche che alla Sicilia – e più in generale all’Italia – viene impedito di essere autosufficiente non è retorica. Lo dice la storia dal secondo Dopoguerra a oggi. Controllare materie prime e fonti di energia dovrebbe essere il primo pensiero di ogni Stato indipendente. Da tempo l’Italia ha rinunziato a tale impegno”.

“E la Sicilia ha fatto e continua a fare ancora peggio, aggiungendo alla subalternità dello Stato italiano rispetto alle multinazionali le soverchierie perpetrate dalla burocrazia regionale a danno di quanti vogliono produrre energia da fonti rinnovabili per soddisfare il proprio fabbisogno e contribuire alla produzione nazionale”.

“La Sicilia non vuole utili, li spalmerà decurtando le bollette dei siciliani per un importo non inferiore al 60% (30% per la compensazione di insularità e 30% per l’aumento del costo dell’energia”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001