Porto di Favignana, "Passerella da rifare e corse aliscafi soppressi", il caso - QdS

Porto di Favignana, “Passerella da rifare e corse aliscafi soppressi”, il caso

web-iz

Porto di Favignana, “Passerella da rifare e corse aliscafi soppressi”, il caso

web-iz |
mercoledì 02 Febbraio 2022 - 14:09

La Liberty Lines si offre volontaria a realizzare l'opera. Ma la Regione non risponde.

Eppure, i soldi e chi è pronto a realizzare l’intervento ci sarebbero. Quella della passerella nel molo di attracco per gli aliscafi del porto di Favignana è una storia densa di paradossi. Paradossi che, però, rischiano di vedere dilatarsi i tempi e con lo spettro di annullare le corse o, peggio ancora, di mettere in pericolo la sicurezza dei passeggeri.

La soppressione delle corse degli aliscafi e la rabbia del sindaco

Che la passerella non sia più idonea a quella che è la sua ragion d’essere sta nel fatto che nel giro di pochi mesi sia crollata a mare più di una volta. A gennaio del 2020, a marzo dello scorso anno e alla fine del 2021. In tutti questi frangenti la naturale conseguenza è stata una: soppressione delle corse degli aliscafi con l’esplosione di rabbia del sindaco di Favignana Francesco Forgione perché tutto ciò non garantisce la continuità territoriale.

Ma chi ha tutto l’interesse a mettere la parola fine a questi disagi e a voltare completamente pagina c’è ed è Liberty Lines, una delle principali compagnie di trasporto marittimo che serve proprio l’isola delle Egadi.

Le sollecitazioni della Liberty Lines alla Regione

Peccato, però, che tutte le sollecitazioni della Liberty Lines alla Regione, che vanno avanti da circa un anno, fino ad ora sono cadute nel vuoto. La compagnia ha stilato pure un computo metrico e una valutazione di quello che sarebbe l’intervento da effettuare per dare al porto di Favignana una nuova struttura per l’attracco degli aliscafi.

Un’opera da 200 mila euro che la compagnia ha sempre detto di essere pronta a realizzare, accollandosi tutte le spese. Il presidente della Liberty Lines Alessandro Fiorino ha scritto all’assessorato regionale ai Trasporti a maggio e a ottobre dello scorso anno, sperando che si procedesse almeno con l’apertura di una conferenza dei servizi. Ma ad oggi nessuna risposta da parte della Regione.

Il privato può procedere direttamente con un’opera di questo tipo? Serve un bando per assegnare i lavori? Basterebbe almeno conoscere la risposta a queste domande. E la risposta servirebbe anche in fretta, perché la prossima estate non è poi così lontana e iniziare l’alta stagione con una struttura che non garantisce più la massima sicurezza non sarebbe certo il massimo

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684