Superbonus 110%, proroga di tre mesi per i lavori nelle villette: le novità

Superbonus 110%, proroga di tre mesi per i lavori nelle villette: le novità

Web-al

Superbonus 110%, proroga di tre mesi per i lavori nelle villette: le novità

Web-al |
martedì 03 Maggio 2022 - 11:23

Arriva la proroga di tre mesi per edifici e villette unifamiliari che vogliono usufruire del Superbonus 110%. Ma le imprese al momento restano in affanno

Arriva la proroga di tre mesi per edifici e villette unifamiliari che vogliono usufruire del Superbonus 110%. I proprietari avranno così la possibilità per portare lo stato di avanzamento dei lavori al 30% non più entro il 30 giugno, ma fino al 30 settembre 2022. E’ quanto previsto dalla bozza del decreto approvato ieri dal Consiglio dei ministri.

“Per gli interventi effettuati su unità immobiliari – si legge nella bozza – dalle persone fisiche la detrazione del 110 per cento spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022, a condizione che alla data del 30 settembre 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30 per cento dell’intervento complessivo, nel cui computo possono essere compresi anche i lavori non agevolati”.

La cessione dei crediti del Superbonus 110%

Altro intervento correttivo su cui si ragiona in Consiglio dei Ministri è una nuova modica al meccanismo di cessione del credito di cui all’art. 121 del Decreto Rilancio che consentirebbe alla banche di cedere ai propri correntisti il credito fiscale subito dopo la prima cessione.

La questione risulta comunque in discussione, in quanto è inserito un comma ad hoc nello stesso articolo 14, che però risulta in fase di valutazione. Altra ipotesi da considerare è quella di consentire la cessione dei crediti da parte degli istituti anche per singole annualità. Si tratterebbe però in questo caso di una sorta di frazionamento che va contro le norme in vigore dal 1° di maggio che vietano appunto questa possibilità

Il Superbonus fin dalla sua nascita è stato oggetto di numerose modifiche, quindi al momento è difficile escludere queste ipotesi.

Imprese in difficoltà

L‘impossibilità di cedere il credito maturato da sconto in fattura da parte di imprese e professionisti, ha generato una moneta virtuale non più spendibile e che non serve a nulla se chi la possiede non riesce più a sopravvivere nel mercato. In particolare Poste Italiane da tempo non accetta più cessione dei crediti da parte delle imprese. 

Sono migliaia i professionisti e le imprese che hanno cominciato ad unirsi in vere e proprie class action che chiedono a Governo e Parlamento di intervenire con sollecitudine, pena il loro fallimento con il conseguente effetto sociale.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684