Ars, ok aumento stipendi deputati, Faraone; "Immorale"

Aumento stipendi deputati Ars, Faraone: “Immorale, poteva essere bloccato”

web-mp

Aumento stipendi deputati Ars, Faraone: “Immorale, poteva essere bloccato”

Redazione  |
mercoledì 08 Febbraio 2023

Faraone: "L'approvazione del bilancio interno spacciato per automatico adeguamento Istat, ma lo scatto può essere bloccato anche in Sicilia, dall'ufficio presidenza della Camera"

Non ci sta, il parlamentare nazionale, Davide Faraone, all’approvazione dell’aumento stipendi per i deputati dell’Assemblea regionale siciliana che vedranno i loro compensi lievitare per quasi 11 mila lordi l’anno, pari a circa 890 euro al mese.

“Il paradosso di una classe politica, che non legge i tempi, sta tutto in quello che ieri pomeriggio all’Assemblea regionale siciliana si è consumato: l’aumento di quasi 900 euro a ogni deputato. Si tratta dell’approvazione del bilancio interno dell’Ars, spacciato per automatico adeguamento Istat, “subìto” dagli onorevoli regionali che non sono riusciti ad “arginare” questo ulteriore bonifico nei loro conti correnti. Una fake news bella e buona, una bugia: lo scatto può essere bloccato, anche in Sicilia, come ogni anno, dal 2006 ad oggi, viene fatto dall’ufficio di presidenza della Camera dei Deputati“. Dichiara Davide Faraone, parlamentare nazionale di Azione-Italia Viva-Renew Europe, e aggiunge: “L’aumento della diaria, per i 70 deputati regionali, è uno schiaffo in pieno volto ai cittadini che vedono crescere il costo delle bollette, del carburante, della spesa, la rata del loro mutuo, mentre i loro stipendi, le loro entrate, rimangono pietrificati, immobili, nessun adeguamento, nessuno scatto per tutti i poveri cristi”.

Faraone: “Nessun qualunquismo nelle mie parole, queste decisioni fanno male”

“Rinunciano semmai a una pizza, al riscaldamento, tengono l’auto in garage, a volte rinunciano a curarsi – dice ancora Faraone -. Adeguare gli stipendi di chi è indietro al costo della vita, tagliare le tasse sul lavoro, di questo dovrebbe occuparsi una classe dirigente seria. Invece no, si subisce, magari anche protestando, magari con sdegno, un aumento che riempie il proprio portafoglio. Nessun qualunquismo nelle mie parole, nessuna voglia di anti-politica o lotta alla casta. Semmai il contrario, credo nella politica e credo che decisioni come queste le facciano tanto male”.

Faraone: “Questa scelta allontana ancora di più i cittadini dalle Istituzioni”

Per Faraone “questo aumento è immorale, allontana ancor di più i cittadini dalle istituzioni, acuisce quello scollamento esistente e perdurante. Faccio appello al presidente dell’Ars, affinché riconvochi l’organismo che ha approvato l’aumento e torni sui suoi passi”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017