Bonus bollette, superbonus, taglio accise: tutte le misure del Decreto Aiuti - QdS

Bonus bollette, superbonus, taglio accise: tutte le misure del Decreto Aiuti

web-mp

Bonus bollette, superbonus, taglio accise: tutte le misure del Decreto Aiuti

web-mp |
martedì 03 Maggio 2022 - 11:47

Contributo una tantum da 200 euro per dipendenti e pensionati fino a 35mila euro di reddito. Prorogato taglio accise sui carburanti, bonus bollette retroattivo, aiuti per affitti e trasporti pubblici

Vale 14 miliardi di euro il Dl Aiuti approvato dal cdm per aiutare famiglie e imprese, con la tassa sugli extraprofitti delle aziende energetiche che sale dal 10 al 25% per finanziare un bonus da 200 euro per lavoratori e dipendenti con redditi fino a 35.000 euro. Un sostegno a 28 milioni di italiani, messi in difficoltà dalla corsa dei prezzi al consumo. Il taglio delle accise sui carburanti viene prorogato fino all’8 luglio e gli interventi contro il caro-bollette a tutela di 5,2 milioni di famiglie vengono estesi fino al terzo trimestre.

Draghi: “Il Dl Aiuti per difendere il potere d’acquisto delle famiglie”

“C’è un clima di grande incertezza, ma il Governo è determinato e fa il possibile per dare un senso di vicinanza agli italiani. Il decreto legge aiuti difende il potere di acquisto delle famiglie, soprattutto le più deboli”, dice il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in conferenza stampa. L’impegno del governo, sottolinea il premier, è “intenso, determinato e deciso” e l’esecutivo, assicura, è pronto a intervenire ancora se la congiuntura dovesse peggiorare. “Le decisioni di oggi rappresentano bene questa determinazione del governo. In qualche modo, è il senso del governo stesso”, rileva.

Cosa prevede il pacchetto del “Dl Aiuti”

Il pacchetto, spiega il ministro dell’Economia, Daniele Franco, prevede una prima parte da 8 miliardi di euro che sarà finanziata attraverso i margini previsti dal Def, con la differenza tra indebitamento netto tendenziale e obiettivo, e la rimodulazione del Fondo per la coesione e lo sviluppo.

Questi soldi serviranno per intervenire sull’energia, sui carburanti, sul rincaro dei prezzi per le opere pubbliche, oltre a coprire misure a favore di una serie di enti pubblici, per i profughi e per le imprese più colpite dalle conseguenze dalla guerra. Altri 6 miliardi di euro verranno utilizzati invece per coprire il bonus da 200 euro, che, sostiene il responsabile del Mef, sarà pagato “non appena tecnicamente possibile”, presumibilmente tra giugno e luglio. E i soldi che i datori di lavoro metteranno negli stipendi saranno rimborsati “al primo pagamento fiscale”, promette Draghi.

Ecco quali sono, nel dettaglio, le misure del provvedimento.

Energia

Rafforzamento dei crediti d’imposta in favore delle imprese per energia elettrica e gas

Bonus sociale energia elettrica e gas: la misura, già adottata per il secondo trimestre 2022, è estesa al terzo trimestre 2022 e sarà attuata dall’ARERA. E in particolare, riguarda:

  • credito d’imposta riconosciuto per il secondo trimestre 2022 alle imprese diverse da quelle a forte consumo di gas naturale per l’acquisto di gas naturale (decreto-legge n. 21/2022): dal 20 al 25%;
  • credito d’imposta riconosciuto per il secondo trimestre 2022 alle imprese a forte consumo di gas naturale (decreti-legge nn. 4 e 17/2022): dal 20 al 25%;
  • credito d’imposta riconosciuto per il secondo trimestre 2022 alle imprese dotate di contatori di potenza disponibile pari a superiore a 16,5 kW, diverse da quelle a forte consumo di energia elettrica (decreto-legge n. 21/2022): dal 12 al 15%.
  • credito di imposta riconosciuto per il primo trimestre 2022 alle imprese a forte consumo di gas naturale: 10%.

Credito d’imposta per gli autotrasportatori

Per far fronte all’eccezionale incremento del costo del carburante, è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 28% delle spese sostenute nel primo trimestre 2022 per l’acquisto del gasolio da parte degli autotrasportatori utilizzato in veicoli di peso superiore a 7,5 tonnellate, di categoria euro 5 o superiore.

Energia rinnovabile

Arriva l’attesa semplificazione dei procedimenti di autorizzazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili, e ci sarà una deroga di almeno sei mesi per massimizzare l’utilizzo delle centrali a carbone, senza rinunciare al percorso di decarbonizzazione, una volta venuta meno l’emergenza. Vengono introdotte misure per potenziare la produzione di energia rinnovabile per il settore agricolo.

Garanzie sui prestiti bancari

Tra quelle più rilevanti, c’è l’estensione fino al 31 dicembre delle garanzie sui prestiti bancari alle Pmi e alle imprese maggiori attraverso la Sace. Il bonus sociale per le bollette di energia elettrica e gas diventa parzialmente ‘retroattivo’, con la possibilità di compensare quelle già pagate con quelle future.

Aiuti per gli affitti e per i trasporti pubblici

Previsto un fondo per un supporto a studenti e lavoratori sui trasporto pubblici che consente uno sconto sugli abbonamenti. E’ stato incrementato il Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione (il cosiddetto “Fondo affitti”).

Superbonus: credito di imposta in materia di bonus edilizi

Gli interventi ammissibili riguardano: la detrazione del 110% spetta anche, in relazione agli interventi su unità immobiliari effettuati da persone fisiche (edifici unifamiliari), per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022, a condizione che alla data del 30 settembre 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo.

Imprese danneggiate dalla Guerra in Ucraina

Alle aziende in crisi a causa del conflitto ucraino-russo saranno destinati duecento milioni di euro per il 2022. Verrà istituito un Fondo presso il ministero dello sviluppo economico che punta a fare fronte, mediante erogazione di contributi a fondi perduto, alle ripercussioni economiche negative per le imprese nazionali derivanti dalla crisi internazionale in Ucraina.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684