Servizio sanitario nazionale, in Sicilia più di 40 mila dipendenti - QdS

Servizio sanitario nazionale, in Sicilia più di 40 mila dipendenti

Serena Giovanna Grasso

Servizio sanitario nazionale, in Sicilia più di 40 mila dipendenti

giovedì 05 Settembre 2019 - 02:00
Servizio sanitario nazionale, in Sicilia più di 40 mila dipendenti

Ministero della Salute: i tre quarti del personale fa capo alla sanità in senso stretto (30.801), in 4.000 nell’amministrazione. Nell’Isola il sesto valore più elevato, superata solo da Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Piemonte e Toscana

PALERMO – Al 31 dicembre 2017 ammontava a 41.552 unità il personale dipendente del Servizio sanitario nazionale in Sicilia, composto quindi dai dipendenti delle aziende sanitarie locali e delle aziende ospedaliere.

Secondo i dati contenuti all’interno del report “Personale delle Asl e degli istituti di ricovero pubblici ed equiparati” del ministero della Salute, nella nostra regione è possibile osservare il sesto valore più sostenuto a livello nazionale, pari al 6,8% dei 603.375 dipendenti totali osservati a livello nazionale. Lombardia (87.231), Veneto (57.425), Emilia Romagna (56.093), Piemonte (53.790) e Toscana (48.864) sono le cinque regioni con un numero di dipendenti superiore all’Isola.

In Sicilia, i tre quarti dei dipendenti fanno capo all’ambito sanitario in senso stretto (30.801, di cui 8.876 medici e odontoiatri e 17.400 personale infermieristico), in 6.294 sono impiegati in ambito tecnico e in 4.364 in ambito amministrativo. In termini complessivi, oltre un dipendente su due è donna (51,5%), con punte massime pari al 58,8% in riferimento al personale infermieristico e al 58,4% in ambito amministrativo e punte minime pari al 36,8% relativamente al personale medico e odontoiatrico.

Nella nostra regione le aziende sanitarie locali si addensano perlopiù nella classe compresa tra i 2.000 e i 3.500 dipendenti: infatti, sono ben cinque le Asl con un numero di dipendenti compreso in questo range; abbiamo poi un’Asl con un numero di dipendenti compreso tra 1.500 e 2.000 ed infine tre Asl con un numero che va da 3.500 a 5.000 dipendenti.

Mentre per quel che riguarda il personale impiegato all’interno delle aziende ospedaliere, stavolta la concentrazione maggiore si osserva nelle classi comprese tra i 1.000 e i 1.500 dipendenti e tra i 2.000 e i 3.000 dipendenti (si contano due strutture per ognuna delle due classi), mentre si rileva una struttura nella classe 1.500-2.000: in particolare, si rilevano 1.176 e 1.306 dipendenti rispettivamente al Papardo di Messina e al Cannizzaro di Catania, in 1.849 sono impiegati al Garibaldi di Catania, infine, 2.203 e 2.472 per Villa Sofia Cervello e il Civico di Palermo.

Ammonta a quota 1.230 il personale impiegato negli istituti di cura a carattere scientifico (Irccs) privati siciliani. Anche in questo caso, la componente preponderante è costituita dal personale sanitario (713, di cui 53 medico-odontoiatrico e 398 relativo al comparto infermieristico). Nel dettaglio, in 622 sono impiegati all’Irccs Ismett di Palermo e in 608 presso l’associazione Oasi Maria Santissima a Troina, nell’ennese. Inoltre, in 339 sono impiegati presso Irccs di fondazioni pubbliche in Sicilia e si concentrano tutti presso il centro neurolesi “Bonino Pulejo” di Messina.

I dati complessivi contenuti all’interno del report sono stati raccolti attraverso l’infrastruttura del sistema informativo della Ragioneria generale dello Stato e sono stati condivisi con il sistema informativo sanitario nazionale del ministero della Salute. I dati degli enti del Servizio sanitario nazionale sono sottoposti ai controlli automatici di completezza e qualità previsti dal Sistema informativo sanitario nazionale, allo scopo di garantire accuratezza ed attendibilità delle informazioni necessarie alle specifiche esigenze di monitoraggio del fattore produttivo personale da parte del ministero della Salute.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684