Emissioni gas e strani fenomeni in mare, cosa succede a Vulcano? - QdS

Emissioni gas e strani fenomeni in mare, cosa succede a Vulcano?

web-mp

Emissioni gas e strani fenomeni in mare, cosa succede a Vulcano?

web-mp |
martedì 24 Maggio 2022 - 09:26

Il fenomeno è iniziato due giorni fa con la comparsa di acque nerastre e maleodoranti e da ieri appare in netta diminuzione. Oggi esperti Ingv preleveranno dei campioni

Affascina e spaventa lo strano fenomeno nell’isola di Vulcano, nell’arcipelago delle isole Eolie, manifestatosi nei giorni scorsi. E’ comparsa una colorazione bianco-lattiginosa nel tratto di mare antistante la spiaggia di Levante a Vulcano, isola dell’arcipelago delle Eolie. Il fenomeno, è iniziato due giorni fa, con la comparsa di acque nerastre e maleodoranti e da ieri appare in netta diminuzione.

Oggi esperti dell’Ingv si recheranno sul posto per osservazioni dirette e prelievo di campioni.

Nei giorni scorsi, a Vulcano, si è tenuto un vertice sulla sicurezza. In sintesi: la situazione nell’isola non è peggiorata ma non bisogna abbassare l’attenzione. Soprattutto in previsione dell’arrivo di migliaia di turisti che ogni anno scelgono Vulcano quale meta preferita delle vacanze.

L’ipotesi degli esperti dell’Ingv

L’ipotesi dei ricercatori è che possa trattarsi di “un evento impulsivo di degassamento” in una zona “storicamente interessata da emissioni di gas da siti presenti a bassa profondità sul fondo del mare”.

“Un fenomeno di rilascio di fluidi per incremento di pressione nel sistema idrotermale – spiegano dall’Ingv – può infatti causare l‘emissione di acque ricche in solfuri, presenti nella parte meno profonda del sistema stesso, dunque con tipiche colorazioni scure.

La successiva ossidazione causa la formazione di zolfo elementare e la successiva flocculazione massiccia dello stesso, producendo l’aspetto bianco-lattiginoso dell’acqua marina. La dinamica impulsiva del degassamento causa anche la dispersione in acqua di depositi preesistenti di zolfo nativo, contribuendo a rafforzare il fenomeno in questione”.

Eventi sismici collegati allo strano fenomeno in mare?

Dal 22 maggio, sul fronte sismico, è stato registrato un consistente aumento del numero di eventi a bassa frequenza rispetto agli ultimi due mesi. Nessun terremoto con magnitudo maggiore di 1.0 è stato registrato nell’area di Vulcano negli ultimi 22 giorni. Per quanto riguarda le deformazioni del suolo non si registrano negli ultimi giorni variazioni significative alle stazioni Gnss e Tilt.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684