Medici, eroi di oggi, precari di domani, l'allarme di Confintesa - QdS

Medici, eroi di oggi, precari di domani, l’allarme di Confintesa

Dario Raffaele

Medici, eroi di oggi, precari di domani, l’allarme di Confintesa

venerdì 05 Febbraio 2021 - 13:23

Medici e infermieri assunti in massa a tempo determinato per fronteggiare il caos pandemico: “I risultati di vent’anni di tagli nella sanità siciliana”.

Il settore sanitario italiano, messo a dura prova nel corso del 2020 a causa dell’emergenza Covid 19, ha visto impennare il numero di assunzioni del personale (tra medici, infermieri e altri operatori) superando, già lo scorso novembre, la soglia delle 35.000mila unità.

Nonostante ciò, molti dei camici bianchi che durante questi mesi hanno combattuto in prima linea contro il virus, rischiano di vedersi preclusa la possibilità di un futuro lavorativo. “Molti di loro – ci spiega Domenico Amato, numero uno di Confintesa – sono stati assunti con il solo scopo di fronteggiare la crisi pandemica, con contratti a tempo determinato o rapporti libero professionali”.

Domenico Amato

Come confermano infatti i dati
del Ministero della salute, solo una piccola percentuale di operatori
sanitari è stata effettivamente assunta a tempo indeterminato.

“Nello specifico – prosegue Amato
– la Sicilia paga le conseguenze di una politica sanitaria insoddisfacente. Nel
corso degli ultimi vent’anni, il personale è stato drasticamente ridotto e la
pandemia ha messo in luce l’esigenza di una corsa alla riassunzione, anche se
come detto solo temporanea”.

Nell’ottica di una coerente riprogrammazione
del personale
– confacente alle esigenze della sanità siciliana –
Confintesa punta il dito contro la politica regionale, nell’ottica di un piano
integrato di sviluppo che converga sia sul piano delle assunzioni, che sulla sanità
territoriale
.

In questo senso, proseguono i vertici della confederazione sindacale, è necessario provvedere ad un riassesto della medicina territoriale siciliana, all’interno di un più chiaro piano sanitario regionale.

“Se fosse stato rinforzato l’aspetto territoriale della sanità molte persone sarebbero state curate a domicilio, e non in ospedale. Ancora oggi ci chiediamo perché non si sia intervenuto anche a livello periferico, anziché soltanto nei centri ospedalieri”.

Punti interrogativi leciti quelli di Confintesa, che aprono voragini se si guarda al contesto in cui versa il piano regionale vaccinale: “Un livello territoriale sanitario organizzato avrebbe consentito, nell’imminente futuro, una programmazione vaccinale capillare, sollevando allo stesso tempo i medici di base dalla gestione unica del quadro vaccini – chiosa Domenico Amato, che infine aggiunge – evitando anche gli spiacevoli inconvenienti dei furbetti della dose, che hanno approfittato di un contesto poco chiaro per vaccinarsi, prima ancora che venisse il loro turno“.

Gioacchino Lepre

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001