Natale, Confcooperative: “In viaggio 1 italiano su 4” - QdS

Natale, Confcooperative: “In viaggio 1 italiano su 4”

redazione

Natale, Confcooperative: “In viaggio 1 italiano su 4”

mercoledì 22 Dicembre 2021 - 02:00

Dopo la serrata dello scorso anno si preparano i bagagli per vivere alcuni giorni fuori: tra le destinazioni vincono montagna e agriturismo, seguono le città d’arte e le destinazioni termali

ROMA – Per Natale sarà 1 italiano su 4 a fare i bagagli per vivere alcuni giorni fuori dopo la serrata dello scorso anno.
Tra le destinazioni vincono montagna e agriturismo, seguono le città d’arte e le destinazioni termali. Mentre una fetta considerevole partirà per raggiungere i parenti. è quanto emerge da una indagine condotta dal Centro studi di Confcooperative.

L’ASSIST DAL BLACK FRIDAY

Viaggi e risparmi sotto l’albero per se stessi e occasioni low cost per gli altri. Le giornate dedicate al Black Friday e agli sconti sono state l’occasione per anticipare i regali di Natale e risparmiare il più possibile per 2 italiani su 5 che hanno sfidato i rischi degli assembramenti pur di accaparrarsi i capi scontati da mettere sotto l’albero. Un italiano su 5 comunque non teme gli assembramenti e 2 su 5 utilizzano poco, male o per nulla mascherine e gel sanificanti.

L’Italia della paura e dell’egoismo, dove si polarizzano le posizioni tra chi ce la fa e chi ha problemi a sbarcare il lunario, si aggrappa quindi alla tradizione tra timori e incertezze da un lato che in vista anche delle prossime festività natalizie portano a disertare le ampie tavolate tra familiari e amici e la sconsideratezza di altri.

SPESA PER IL CENONE

Il Centro studi Confcooperative stima che per il cenone di Natale gli italiani spenderanno 2,2 miliardi di euro: 100 milioni in più dello scorso anno, ma 500 milioni meno del Natale pre Covid, registrando un -20% rispetto agli anni della normalità pre pandemia.
I cenoni, con un ristretto numero di partecipanti, nella maggior parte dei casi, esalteranno le eccellenze dell’agroalimentare Made in Italy. Le bollicine italiane, preferite a quelle d’oltralpe, si confermano le immancabili superstar dei cenoni con poco meno di 58 milioni di tappi pronti a saltare da bottiglie di spumante e prosecco Made in Italy. Per il menù di Natale, in pole position le eccellenze del made in Italy: vongole e frutti di mare per i primi piatti (95 milioni di euro); pesce per i secondi piatti (340 milioni di euro); carne, salumi e uova (405 milioni di euro); vini, spumanti e prosecchi (365 milioni di euro); frutta, verdura e ortaggi (335 milioni di euro). Pasta, pane, farina e olio (210 milioni di euro). Non mancherà il tagliere dei formaggi freschi e stagionati italiani (100 milioni). Chiuderà il paniere il ricco carrello dei dolci composto da panettone e pandoro in primis, oltre alle tantissime specialità dolciarie regionali (345 milioni di euro).

TREDICESIME: 44 MLD

Salgono dell’8% le tredicesime, dai 41 miliardi del 2020 ai 44 di quest’anno grazie al recupero parziale dell’occupazione e al minor impatto della cig sui redditi. Aumentano le spese personali e i risparmi, ma si allarga la forbice tra chi può spendere e risparmiare e chi scivola in povertà: l’esercito tra poveri assoluti e relativi conta circa 10 milioni di persone tra le proprie fila. È quanto stima il Centro studi di Confcooperative.
Inoltre, “è forte il clima di incertezza per le ondate continue di covid, per i morsi dell’inflazione che erode la capacità di acquisto di 3 italiani su 4, il caro energia che già si fa sentire sul portafoglio delle imprese e delle famiglie e continuerà a minarne reddito e capacità di spesa. In questo clima l’Italia si aggrappa alla tradizione nel menù della tavola” segnala Confcooperative.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684