Assegno unico figli 2022, come richiederlo, importo al mese, chi rischia - QdS

Assegno unico figli 2022, come richiederlo, importo al mese, chi rischia

Luigi Ansaloni

Assegno unico figli 2022, come richiederlo, importo al mese, chi rischia

lunedì 18 Ottobre 2021 - 21:32

L'assegno unico universale previsto per gennaio, ridisegnerà le buste paga dei lavoratori dipendenti con figli, con l’addio a detrazioni fiscali e assegni al nucleo familiare

L’assegno unico per i figli, misura utile per sostenere la famiglia, sta per scomparire. Almeno così come lo conosciamo, e rischia di essere una botta non da poco per i genitori.

L’assegno unico universale previsto per gennaio, ridisegnerà le buste paga dei lavoratori dipendenti con figli, con l’addio a detrazioni fiscali e assegni al nucleo familiare, che avranno un impatto sullo stipendio mensile dei genitori beneficiari.

Tanto che il Governo sta studiando un passaggio morbido all’assegno unico per evitare che le famiglie si trovino “scoperte”, anche solo per pochi mesi.

I FONDI

I fondi per l’assegno unico ora contenuti nel generico fondo per la riforma fiscale ‘traslocanò stabilmente nel fondo «assegno universale e servizi alla famiglia”: lo prevede la bozza del decreto fiscale, ancora passibile di modifiche, che formalizza, con una norma contabile, l’assegnazione di 6 miliardi aggiuntivi per il nuovo strumento per gli aiuti alla famiglia, assicurando così le risorse necessarie alla sua entrata a regime a partire dal prossimo anno.

L’assegno unico assorbirà gli altri strumenti esistenti, dalle detrazioni per i figli a carico agli attuali assegni familiari, con le relative risorse.

AGEVOLAZIONI ADDIO

Avere il nuovo assegno non sarà automatico nè sempre possibile. Intanto, non ci sarà più l’addebito in busta paga: sarà necessario fare esplicita domanda, presentando l’Isee, e poi bisognerà aspettare l’erogazione da parte dell’Inps. Poi se il vostro indicatore di capacità economica supera i 50mila euro non avrete diritto a niente

L’IMPATTO SULLE BUSTE PAGA

Gli importi saranno modulati in base all’Isee: 175-180 euro a figlio sotto i 15mila euro di Isee (250 dal terzo figlio in poi), che scendono progressivamente fino a 40-50 euro a figlio oltre i 40mila euro di Isee.

Dalle prime anticipazioni sul decreto attuativo, è confermato il superamento delle misure attualmente in vigore. Di conseguenza, l’altro lato della medaglia della riforma riguarderà le buste paga dei dipendenti, su cui i sostituti di imposta ogni mese applicano le detrazioni fiscali per i figli a carico, integrate con gli assegni al nucleo familiare (Anf), misure entrambe destinate ad essere sostituite dal nuovo assegno nel 2022.

IL GOVERNO

«Daremo tutto il tempo necessario – afferma Elena Bonetti, ministra per la Famiglia e le Pari opportunità – per presentare domanda, senza perdere gli arretrati. Accompagneremo la fase di transizione tra le vecchie misure e il nuovo assegno. È una misura storica che aumenta del 50% la spesa pubblica per la famiglia. Introduce uno strumento semplice che tiene conto dei carichi familiari e incentiva il lavoro femminile».

Chi sono i beneficiari dell’assegno

Nella fase transitoria fino al 31 dicembre 2021, l’assegno è destinato a tutti i nuclei familiari che oggi sono esclusi dagli assegni al nucleo familiare. La platea si compone di coloro che, prima dell’introduzione di questa misura, non beneficiavano a differenza dei lavoratori dipendenti, degli assegni al nucleo: una platea molto eterogenea fatta da soggetti inattivi, percettori del reddito di cittadinanza, lavoratori autonomi, ma anche lavoratori dipendenti oggi esclusi dagli assegni al nucleo per ragioni di reddito familiare (livello e composizione).


Tag:

Potrebbe interessarti anche:

Un commento

  1. Mario Coletti ha detto:

    Sembrerebbe tutto bello, purtroppo bisogna constatare che dalla busta paga, una volta tolti gli Assegni Nucleo Familiare e anche le detrazioni, stiamo parlando di quasi 200 euro al mese in meno, non so se l’assegno unico arriverà a tale importo mensile molto probabilmente e se va bene ce ne verrà dato la metà cioè circa 100 euro al mese. Moltissime famiglie, magari con un figlio disabile a carico, si vedranno togliere i soldi anche fino a oltre 1.000 euro l’anno in meno.
    Non è giusto inserire i parametri ISEE così bassi, non ci vuole molto per una famiglia tipo superare la soglia dei 15.000 euro l’anno di ISEE. La verità è che con l’assegno unico toglieranno i soldi a molte famiglie, per darli a chi non ha reddito o quasi che è una cosa giustissima ma non è bello togliere soldi a chi ha figli disabili o fragili. Bisognava inserire una clausola di salvaguardia proprio per tutelare quelle famiglie cha andrebbero a rimetterci con l’assegno unico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684