Corte d'appello Catania, insediato il nuovo presidente - QdS

Corte d’appello Catania, insediato il nuovo presidente

web-j

Corte d’appello Catania, insediato il nuovo presidente

web-j |
sabato 04 Dicembre 2021 - 12:30

"Avrò bisogno dell'aiuto di tutti" ha dichiarato il neo presidente della Corte d'appello di Catania, Filippo Pennisi

“C’è poco da festeggiare, c’è tanto da lavorare perché Corte e Distretto hanno delle loro sofferenze”, ma, di contro, “c’è una forte motivazione e una vivacità intellettuale della magistratura” locale. Sono ‘problemi’ e ‘punti di forza’ citati dal neo presidente della Corte d’appello di Catania, Filippo Pennisi, che si è insediato stamattina dopo avere lasciato l’incarico di presidente di sezione del Tribunale del capoluogo etneo. Subentra a Giuseppe Meliadò che ricopre il ruolo di presidente della Corte d’appello di Roma.

Tra i ‘problemi’ il presidente Pennisi ha citato, per primo, quello logistico che, a Catania, con strutture “inadeguate e lontane”, è presente “da tempo”. Per questo, annuncia, metterà presto “mano a questo dossier”. “Certo – osserva – conforta la notizia della prossima pubblicazione del bando di gara per il nuovo plesso in viale Africa. La posa della ‘prima pietra’ sarebbe un messaggio confortante”. Un altro problema, che tocca soprattutto le altri sede del Distretto giudiziario, citato dal presidente Pennisi è “quello dell’organico: ci sono 1.300 posti vacanti su 10mila unità”. E altre carenze d’organico, che il presidente Pennisi definisce “enormi”, riguardano “il personale amministrativo che ringrazio per la loro abnegazione” e che certamente “meriterebbe di più”.

Tra i “punti positivi” il presidente Pennisi cita la “forte motivazione e la vivacità intellettuale della magistratura del Distretto” di Catania, gli “ottimi rapporti con tutte le Istituzioni e con l’avvocatura” senza dimenticare “il particolare momento che sta attraversando il Paese” e la “forza mostrata contro la pandemia” per “venire fuori da questa terribile situazione”. Il presidente Pennisi chiosa dicendosi “certo di riuscire a fare del mio meglio per avere risultati positivi”, ricordando che “avrò bisogno dell’aiuto di tutti”. (ANSA)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684