Palermo, nuove nubi sull’ex Blutec di Termini Imerese - QdS

Palermo, nuove nubi sull’ex Blutec di Termini Imerese

redazione

Palermo, nuove nubi sull’ex Blutec di Termini Imerese

Redazione  |
giovedì 30 Maggio 2024


Il ricorso presentato al Tar del Lazio è stato trasferito per competenza a Palermo. Timori dei sindacati sulle tempistiche legate al rilancio del sito industriale: chiesta la proroga degli ammortizzatori sociali

Il Tar del Lazio ha dichiarato la propria incompetenza sul ricorso contro l’assegnazione dell’ex Blutec e dell’area, disponendo il trasferimento del caso al Tar di Palermo. Nei giorni scorsi, infatti, la cordata Sciara Holding Ltd e Smart City group Scrl, la cui offerta è stata esclusa dai commissari straordinari, ha richiesto l’annullamento del provvedimento di assegnazione della gara di cessione dello stabilimento alla Pelligra Italia.

Iscriviti gratis al canale WhatsApp di QdS.it, news e aggiornamenti CLICCA QUI

Blutec, le posizioni di Cgil e Fiom

Una decisione che rischia di far slittare ulteriormente la valorizzazione del sito industriale e che ha sollevato tra i sindacati nuove preoccupazioni per le sorti dei lavoratori e dell’indotto, come sottolineato in una nota dal segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino e da Roberto Mastrosimone, della Fiom nazionale. “I tempi – hanno evidenziato Mannino e Mastrosimone – rischiano di allungarsi ulteriormente e a novembre scadranno l’amministrazione straordinaria e gli ammortizzatori sociali”.

Cgil e Fiom hanno chiesto pertanto che “si provveda subito alla proroga sia dell’amministrazione straordinaria che della cassa integrazione con apposita legge, così come è stato fatto per l’Ilva di Taranto”.

Blutec, i dubbi di Mannino e Mastrosimone sull’assegnazione

Mannino e Mastrosimone hanno espresso inoltre tutte le loro perplessità su questo ulteriore scoglio sulla strada dell’assegnazione dell’area: “Il ricorso è legittimo – hanno precisato – ci sfugge tuttavia perché sia stato presentato nella sede sbagliata, non pare credibile che si tratti di un errore”.

Cgil e Fiom hanno poi sostenuto che “i ricorrenti non avrebbero rispettato le previsioni del bando. Cosa che aprirebbe la strada a seri dubbi sul reale interesse della cordata a fare ripartire l’impianto con un progetto industriale serio e con investimenti”.

“I lavoratori – hanno aggiunto i due esponenti sindacali – sono stanchi del perpetuarsi di una situazione di incertezza dentro la quale le soluzioni positive sembrano miraggi che scompaiono appena gli si è vicini. Altrettanto legittime sono le nostre preoccupazioni e quelle dei lavoratori. Noi chiediamo che la vicenda si chiuda quanto prima e che per l’ex Blutec e per tutti i lavoratori, diretti e dell’indotto, si aprano prospettive positive”.

L’assessore Tamajo: “Totale fiducia nel Governo”

“Massima fiducia nei confronti del ministro Urso e dei commissari ex Blutec” è stata espressa dall’assessore alle Attività produttive della Regione siciliana, Edy Tamajo dopo che il Tar del Lazio si è dichiarato incompetente sul ricorso contro l’assegnazione dell’ex stabilimento alla Pelligra Italia Srl,

“Condivido la preoccupazione da parte dei lavoratori ex Fiat – ha detto – e so che a novembre scadrà l’amministrazione straordinaria e gli ammortizzatori sociali, ma il governo Schifani, il ministro Urso e i commissari hanno lavorato e lavorano per la tutela degli operai di Termini Imerese, che per troppi anni sono stati in balia di incertezza e false soluzioni”.

“Siamo consapevoli – ha concluso – che la richiesta di sospensione delle procedure di assegnazione potrebbe rallentare l’intero processo, ma confidiamo in una rapida e giusta risoluzione della questione. La riattivazione del sito industriale è fondamentale non solo per il tessuto economico locale, ma anche per ridare speranza e prospettive a una comunità che ha sofferto a lungo”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017