Rifiuti, Trizzino, basta rimpalli tra Comune di Palermo e Regione - QdS

Rifiuti, Trizzino, basta rimpalli tra Comune di Palermo e Regione

redazione

Rifiuti, Trizzino, basta rimpalli tra Comune di Palermo e Regione

lunedì 16 Settembre 2019 - 09:52
Rifiuti, Trizzino, basta rimpalli tra Comune di Palermo e Regione

Il deputato regionale pentastellato ha ricordato che la Sicilia occidentale è ancora invasa dai rifiuti e necessita di "una rete di impianti finalmente efficiente, perché la discarica di Bellolampo sarà fuori uso almeno per un altro anno"

“Ci siamo stancati delle dichiarazioni che provengono dall’una e dall’altra parte con un vergognoso rimpallo di responsabilità tra Comune di Palermo e Regione Siciliana”.

La presa di posizione del deputato regionale del Movimento cinque stelle Giampiero Trizzino è chiara: adesso bisogna risolvere i problemi.

“La Sicilia – ha detto Trizzino – è ancora invasa dai rifiuti e Musumeci, se ha qualche dubbio, esca da Palazzo D’Orleans e si faccia una passeggiata in centro storico: vedrà in che condizioni i turisti sono costretti a visitare il sito Unesco del capoluogo della Regione che amministra. Si lavori in fretta, piuttosto, per dotare la Sicilia di una rete di impianti finalmente efficiente, perché la discarica di Bellolampo sarà fuori uso almeno per un altro anno e, fino ad allora, la quinta città d’Italia i rifiuti non potrà certo mangiarseli”.

“L’emergenza di questi giorni – ha spiegato Trizzino – sta assumendo i connotati di una barzelletta. Prima la Regione dà la colpa ai Comuni, poi i Comuni danno la colpa alla Regione e adesso anche all’Agenzia per l’ambiente Arpa. Scoprire oggi che i rifiuti che escono da Bellolampo non sono in regola, non dovrebbe stupire”.

“Le discariche – ha proseguito il deputato grillino – sono in mano ai privati? E qual è la novità? La crisi dei rifiuti è lo strumento ideale per mantenerli lontano dal controllo pubblico. E’ così da vent’anni e, nonostante tutti, da una parte e dall’altra, dichiarino guerra ai privati, non è mai cambiato nulla”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684