Università, anno accademico 2024-2025: quando inizia

Università, quando inizia e come è organizzato l’anno accademico 2024-2025

marikacontarino

Università, quando inizia e come è organizzato l’anno accademico 2024-2025

Redazione  |
sabato 06 Luglio 2024

La guida per le future matricole che hanno dei dubbi sull'organizzazione dell'Università.

Mentre gli studenti universitari saranno impegnati ancora un po’ con gli esami della sessione estiva, i maturandi stanno per chiudere il cerchio del liceo con gli esami di maturità. Probabilmente, molti di loro iniziano già a fantasticare su com’è l’Università, quando inizia l’anno accademico e com’è organizzata.

Iscriviti gratis al canale WhatsApp di QdS.it, news e aggiornamenti CLICCA QUI

Visto che l’Università ha un’organizzazione del tempo assolutamente diversa dalla scuola, è possibile che le future matricole possano avere dubbi basilari a cui è fondamentale trovare risposta. Pian piano dovranno prendere confidenza con la nuova scansione temporale delle lezioni e dei conseguenti esami.

Università: quando inizia l’anno accademico 2024-2025?

A differenza del liceo, dove tutte le lezioni iniziano a settembre e finiscono lo stesso giorno a giugno, l’Università ha un’organizzazione meno rigida. I corsi, infatti, vengono svolti nell’arco di un semestre o di un anno: la loro durata è proporzionale ai crediti formativi, chiamati CFU, assegnati a quella materia. L’unica regola che i docenti devono rispettare è che il corso si concluda prima dell’inizio della sessione degli esami. La durata dell’anno accademico all’Università, dunque, è diversa da quella dell’anno scolastico.

L’Università, infatti, di norma inizia nella prima settimana del mese di ottobre oppure nell’ultima di settembre. In realtà, ogni corso di laurea ha un proprio calendario, per cui l’inizio delle lezioni potrebbe essere anticipato o posticipato. In generale a ottobre 2024 iniziano i corsi, cui corrisponderà un esame da sostenere. L’anno accademico poi si conclude al termine della sessione autunnale, che solitamente si svolge a settembre.

Università: cos’è e come funziona l’anno accademico 2024-2025

L’anno accademico dell’Università, diversamente dalla scuola, è suddiviso in due parti: corsi ed esami. Ogni facoltà ha il proprio calendario accademico, dove si potranno consultare i corsi attivi nei semestri e le tre sessioni d’esame previste durante l’arco dell’anno. Dopo aver scelto la propria facoltà, dunque, si può consultare il calendario accademico indicato dall’ateneo: sarà così possibile capire quali corsi sono obbligatori, quali facoltativi e quali a scelta.

Ecco, nello specifico, come si articola il calendario accademico per l’anno 2024-2025:

  • inizio anno accademico con i corsi da seguire tra ottobre-dicembre 2024;
  • sessione invernale con gli esami da sostenere tra gennaio-febbraio 2025;
  • inizio dei corsi del secondo semestre tra febbraio/marzo-maggio 2025;
  • sessione estiva con gli esami da sostenere tra giugno-luglio 2025;
  • chiusura ad agosto;
  • sessione autunnale a settembre 2025, durante la quale si potranno sostenere gli esami dei semestri precedenti che non si sono riusciti a sostenere durante le precedenti sessioni.

Sessioni d’esame: come sono organizzate

Le sessioni d’esame, lunghe di norma circa due mesi, prevedono l’utilizzo degli appelli, ovvero delle date in cui si svolgono gli esami. In genere, gli appelli sono 2 o 3 per corso, ad eccezione di settembre in cui gli appelli sono in linea di massima 2. Lo studente potrà partecipare all’esame iscrivendosi sul portale online entro i termini definiti dall’università.

A differenza della scuola, dunque, l’università tende ad adattarsi maggiormente allo studente, permettendogli di organizzare il proprio tempo come preferisce. Ognuno avrà i propri ritmi per preparare gli esami, avrà il proprio metodo di studio e seguirà i corsi che più gli si addicono. Ovviamente, il primo anno accademico all’università potrebbe essere un po’ stressante e difficile, visto che si differenzia molto dalla scuola. Il passaggio dovrà essere graduale e man mano ci si abituerà al nuovo meccanismo.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017