"Bello pazzerello", sequestro per Ornella Zocco, ecco le accuse - QdS

“Bello pazzerello”, sequestro per Ornella Zocco, ecco le accuse

Ivana Zimbone

“Bello pazzerello”, sequestro per Ornella Zocco, ecco le accuse

mercoledì 27 Gennaio 2021 - 19:41
“Bello pazzerello”, sequestro per Ornella Zocco, ecco le accuse

Oggi la polizia di Catania, su disposizioni della Procura di Firenze, ha sequestrato pc e cellulare di Ornella Zocco. Adesso su di lei pesa l'accusa di istigazione al suicidio. La difesa: "Ricorso al Riesame, Zocco completamente estranea alle accuse"

Bello pazzerello” è il nuovo videoclip virale sul web realizzato daOrnella Zocco e Benny G. Le polemiche sui social incalzano e, nel frattempo, oggi a sorpresa arriva un sequestro della polizia nei confronti della 47enne che ha conquistato un numero incredibile di fan.

Il video ufficiale di “Bello pazzerello”

Angela Chianello di “Non ce n’è Coviddì” adesso ha nuovi competitors. Si tratta della giovanissima barese Benny G. – cantante neomelodica minorenne – e soprattuto di Ornella Zocco, siracusana di mezza età. Il loro nuovo video sta facendo il giro del web, dopo essere stato a lungo sponsorizzato sui canali di TikTok, ha raggiunto un gran numero di utenti anche su YouTube. Come tra l’altro auspicato dalle stesse cantanti nel testo della canzone.
Non hanno tardato nemmeno le critiche sui social, che accusano le due autrici di aver pubblicato l’ennesimo contenuto “trash” che non renderebbe onore alla città di Catania – in cui è stato girato il videoclip -, ma anche di aver violato le normative anti-Covid per la sua realizzazione.

L’accusa di istigazione al suicidio, ancora su TikTok

I riflettori si accendono oggi, ancora una volta, sul famoso social network TikTok. Solo pochi giorni fa una bimba di 10 anni di Palermo è morta per aver partecipato a una challenge suicida. Il Garante della privacy ha aperto un’istruttoria nei confronti non solo di TikTok, ma anche di Facebook e Instagram. Il tentativo è quello di impedire che simili tragedie possano accadere nuovamente, vagliando le normative sulla privacy che di fatto consentono anche ai minorenni di raggiungere potenzialmente, con la loro propria immagine tra l’altro, tutto il mondo.

L’account di Ornella Zocco sembra essere all’insegna della leggerezza: in questo la donna colloquia con i suoi tanti fan rispondendo a tutte le loro richieste, pubblica video di pochi secondi in cui scherza e balla, cercando di coinvolgere una platea sempre più numerosa. Ma per la Procura di Firenze esisterebbero dei contenuti che istigherebbero al suicidio.

La difesa: “Ornella Zocco estranea alle accuse”

“Oggi la signora Zocco ha subito il sequestro da parte della polizia delle apparecchiature utilizzate per le trasmissioni (pc, telefono cellulare). Tale sequestro è stato ordinato dalla Procura di Firenze, la quale ritiene che la donna abbia pubblicato su TikTok dei contenuti che inviterebbero gli utenti al suicidio – spiega il suo legale, l’avvocato penalista Giambattista Rizza del Foro di Siracusa -. La signora, che oggi vanta circa un milione di visualizzazioni sul famoso social network, ha deciso di appellarsi al Tribunale del Riesame per capire esattamente quali contenuti avrebbero violato le norme, ritenendosi del tutto estranea alle accuse. Inoltre, la donna non ha più potuto accedere al suo profilo proprio perché l’accesso le è stato negato. Invece rimane a sua disposizione la possibilità di aprire un nuovo account, non essendo stata definita alcuna restrizione nel merito”.

Nei prossimi giorni vi racconteremo l’evoluzione della vicenda.


Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684