Caltanissetta, si è insediato il nuovo questore Ricifari - QdS

Caltanissetta, si è insediato il nuovo questore Ricifari

redazione

Caltanissetta, si è insediato il nuovo questore Ricifari

sabato 24 Ottobre 2020 - 00:00
Caltanissetta, si è insediato il nuovo questore Ricifari

Il dirigente superiore della Polizia di Stato ha lasciato Cuneo per una nuova sfida in Sicilia. L’uscente Signer ha salutato la comunità: “Lavorato per garantire la tutela di tutti”

CALTANISSETTA – Si è ufficialmente insediato il nuovo questore Emanuele Ricifari, dirigente superiore della Polizia di Stato che ha lasciato l’incarico di questore di Cuneo per intraprendere questa nuova avventura in Sicilia.

Prima di dare inizio alle visite istituzionali, il questore ha voluto condividere con tutto il personale e con il cappellano Vincente Genova un momento di preghiera presso la stele dedicata ai caduti della Polizia di Stato nell’adempimento del loro dovere, che si è concluso con la deposizione di una corona ai piedi del monumento.

Dopo il saluto al personale il nuovo questore ha incontrato il prefetto di Caltanissetta, Cosima Di Stani, il vescovo Mario Russotto e il sindaco Roberto Gambino. In seguito si è tenuto un vertice con i rappresentati provinciali delle Forze di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e capo centro Dia per “un momento di confronto con il territorio e progetti futuri di collaborazione”.

Pochi giorni prima, il predecessore di Ricifari, Giovanni Signer, aveva salutato il territorio lasciando l’incarico assunto nel marzo del 2017. “Credo – ha detto Signer salutando la comunità – di aver orientato le nostre attenzioni sui problemi del territorio. Ho sentito l’esigenza di dare una sensazione di sicurezza a tutti e forse a volte, per far questo, siamo stati molto energici, ma era essenziale per garantire la tutela di tutti”.

Un riferimento, poi, da parte di Signer, al difficile momento legato alla diffusione del Coronavirus: “Abbiamo agito secondo il principio di assicurare la moral suasion prima di arrivare al provvedimento sanzionatorio. Abbiamo cercato sempre di dare visibilità al nostro impegno per garantire una sensazione di vicinanza a tutta la comunità”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684