Recovery Plan, oggi Provenzano scioglie riserva su priorità - QdS

Recovery Plan, oggi Provenzano scioglie riserva su priorità

Patrizia Penna

Recovery Plan, oggi Provenzano scioglie riserva su priorità

mercoledì 09 Settembre 2020 - 00:05
Recovery Plan, oggi Provenzano scioglie riserva su priorità

L’appello a Conte delle Regioni, “Il Governo chiarisca il nostro ruolo altrimenti resteremo nel limbo e i progetti non si realizzeranno”. Ponte sullo Stretto, commissione di esperti al lavoro. De Micheli, "Nessun preconcetto sull'opera"

ROMA – Oggi il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, sarà audito dalle Commissioni riunite Bilancio e Politiche Ue di Camera e Senato, sull’individuazione delle priorità nell’utilizzo del Recovery Fund.

Il vicepresidente esecutivo della Commissione Europea Valdis Dombrovskis, ha definito il Recovery Fund “una nave per tenere a galla l’Unione europea”. Ed ha rivolto un invito agli Stati membri interessati: “Preparino subito piano per riforme e investimenti”.

Proprio sulle priorità la maggioranza di Governo è apparsa divisa e i e partiti di opposizione ne hanno approfittato per mettere il coltello nella piaga: “Il Governo – ha tuonato ieri Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati -, a causa delle divisioni tra i partiti che compongono la sua maggioranza, ha deciso di congelare la stesura del Recovery Plan. L’Italia non presenterà alcun progetto a Bruxelles entro il 15 ottobre, tutto rimandato alla prima metà del 2021. Cosa significa questo in concreto per il nostro Paese? Che, ben che vada, i primi soldi del Recovery Fund arriveranno non prima della seconda metà del prossimo anno. Una tempistica assurda che metterà ulteriormente in crisi la nostra economia. Le imprese, i lavoratori, i professionisti, le famiglie, hanno bisogno di risorse immediate e di toccare con mano una strategia per la ripartenza e per il futuro. L’esecutivo Conte, invece, come sempre rinvia e lascia l’Italia nel limbo”. Ma non sono solo i partiti di opposizione a incalzare il Governo Conte sul Recovery Fund. Anche le Regioni chiedono a gran voce un cambio di passo sui progetti, dato che il tempo stringe, ma soprattutto non nascondono la volontà di giocare un ruolo da protagonisti nella stesura del Recovery Plan.

È necessario che il ruolo delle Regioni sia chiaro – ha detto Donatella Tesei, coordinatrice della Conferenza delle Regioni nel corso dell’audizione parlamentare sul Recovery Fund -. Se il Governo vuole un intervento fattivo, collaborativo ed efficace da parte delle Regioni, ce lo deve dire e noi siamo pronti a lavorare, come abbiamo fatto giorno e notte durante tutto il periodo di gestione dell’emergenza sanitaria”.

Le Regioni chiedono dunque che il Governo faccia una volta per tutte chiarezza: “È giunta l’ora – ha proseguito Tesei – di definire il ruolo delle Regioni, altrimenti ci troviamo in una situazione di limbo dove rischiamo di non essere efficaci e di non poter dare quell’apporto significativo che, ad avviso di tutte le Regioni nessuna esclusa, siamo in grado di poter assicurare – sottolinea Tesei -. Noi ci siamo, siamo abituati a lavorare sui nostri territori e c’è fra noi una collaborazione che non guarda ad appartenenze politiche e di partito. Stiamo già lavorando tanto e vogliamo continuare a farlo, nell’interesse del Paese”.

Ma, ribadisce Tesei, “il Governo ci dica qual è il ruolo delle Regioni, qual è il ruolo degli altri enti locali: altrimenti, le nostre idee e i nostri progetti non arrivano poi a destinazione e il Paese rischia di risultare in ritardo e di essere inefficace nella realizzazione dei progetti. Ciò che si progetta e si programma va poi realizzato e per realizzarlo ci vogliono tempi certi e procedure snelle: in tempi che sono di emergenza, come quelli che stiamo vivendo, ci vogliono strumenti di emergenza altrimenti le opere pubbliche non si realizzano e tutto ciò che potrebbe essere utilizzato rischiamo di perdercelo per strada”.

Twitter: @PatriziaPenna

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684