Evasione fiscale da 250 mila euro, beccato idraulico da "record" - QdS

Evasione fiscale da 250 mila euro, beccato idraulico da “record”

web-j

Evasione fiscale da 250 mila euro, beccato idraulico da “record”

web-j |
sabato 04 Dicembre 2021 - 16:22

Accertati almeno 250.000 euro non dichiarati al Fisco.

La Guardia di Finanza ha scoperto un idraulico che realizzava impianti in hotel di lusso e residenze vip in evasione totale d’imposta in Maremma: accertati almeno 250.000 euro non dichiarati al Fisco. Durante le attività di controllo i miliari delle Fiamme Gialle hanno individuato un idraulico, operante nelle zone dell’Argentario, Capalbio e Orbetello, che, già ad un primo screening patrimoniale, risultava non dichiarare nulla negli anni precedenti il Covid.

L’approfondimento è quindi proseguito con l’avvio di una vera e propria ispezione fiscale nei confronti del soggetto, il quale peraltro si è dimostrato scarsamente collaborativo, ostacolando le attività di controllo e non fornendo alcun documento. I finanzieri hanno quindi ricostruito il suo volume d’affari dei 4 anni ante-pandemia, individuando i suoi clienti (e tra loro, anche lussuosi hotel e residenze vip) ed effettuando decine di riscontri sui lavori svolti ed i compensi percepiti in nero.

È emerso quindi come, in realtà, il comportamento molto disonesto posto in essere fosse alquanto malizioso e difficile da individuare anche da parte dei clienti; ciò in quanto il soggetto emetteva e rilasciava ‘regolari’ fatture per i suoi servizi idraulico-sanitari, salvo poi non effettuare alcuna dichiarazione reddituale.

A tal proposito, l’idraulico è stato denunciato per il reato di occultamento e distruzione di scritture contabili, in parte ritrovate dai militari anche in seguito ad accesso presso l’abitazione. All’esito del servizio le Fiamme Gialle hanno quindi contestato una complessiva evasione di 250.000 euro inerenti redditi percepiti in nero omettendo le previste dichiarazioni al Fisco, con relativa verbalizzazione inviata al”Agenzia delle Entrate per la definizione della procedura di accertamento. (Adnkronos)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684