Arbitro controversie finanziarie, dal Sud in 5 anni 3.684 ricorsi - QdS

Arbitro controversie finanziarie, dal Sud in 5 anni 3.684 ricorsi

redazione

Arbitro controversie finanziarie, dal Sud in 5 anni 3.684 ricorsi

mercoledì 24 Novembre 2021 - 03:00

Su un totale di 8.582: accolti in tutto 2.981 ricorsi, risarcimenti per 111 milioni di euro. Savona (Consob): “Strumento importante per buon rapporto finanza-risparmiatori”

ROMA – In cinque anni di attività, l’Arbitro per le controversie finanziarie ha ricevuto 8.582 ricorsi, ne ha ammessi 7.105, accogliendone al 15 novembre scorso 2.981 e respingendone 1.496. Ha assunto 7.016 decisioni e complessivamente ha riconosciuto risarcimenti per 111.066.146 euro. è quanto emerso dalla relazione del presidente dell’Acf, Gianpaolo Barbuzzi, nel corso dell’evento sul quinquennio di operatività dell’autorità.

L’iniziativa dell’Arbitro per le controversie finanziarie “fa parte di tutte le strutture indispensabili, anche se è l’ultima arrivata o quasi”.
Lo ha detto il presidente della Consob, Paolo Savona, nel corso del suo intervento in apertura dell’evento “è parte di un sistema di fiducia – ha proseguito Savona – che deve contraddistinguere il mantenimento corretto e giusto, e l’Arbitro fa parte di entrambi ma in particolare del secondo, di tutti coloro i quali detengono strumenti finanziari, un aspetto importante per mantenere un buon rapporto tra i gruppi dirigenti della finanza e i risparmiatori”.

Guardando alla distribuzione territoriale, è il Nord a concentrare il maggior numero di ricorsi (42,9% con 3.684), seguito dal Sud (36,6% a 3.141). Molto distaccato il centro (20% con 1.710), mentre dall’estero ne sono arrivati appena 47, lo 0,5% del totale. Sono gli uomini a ricorrere maggiormente all’Acf: 5.546 (64,6%). Le donne sono circa la metà, 2.770 che rappresentano il 32,3%. Quanto agli enti, questi rappresentano il restante 3,1% a quota 266.

Infine, l’età dei ricorrenti è per il 24% compresa tra i 55 e i 64 anni e sempre al 24% è anche la fascia 65-74 anni. Seguono gli over 74 con il 22,2%, poi 45-54 anni al 18,6% e infine 20-44 all’11,2%.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684