Bandi Psr, “Nessun rischio disimpegno fondi” - QdS

Bandi Psr, “Nessun rischio disimpegno fondi”

Chiara Borzi

Bandi Psr, “Nessun rischio disimpegno fondi”

giovedì 20 Giugno 2019 - 00:00
Bandi Psr, “Nessun rischio disimpegno fondi”

L’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera, risponde alle deputate Ars del M5s Elena Pagana e Angela Foti. Già impegnati 2 mld e 77 mln, erogati agli agricoltori 642 mln e 17 bandi pubblicati nei primi sei mesi dell’anno

PALERMO – “Bandi scritti letteralmente con i piedi, agricoltori a bocca asciutta nonostante gli investimenti, una pioggia di ricorsi e misure totalmente insufficienti a coprire i beneficiari”. A dichiararlo è stata qualche giorno fa la deputata del Movimento 5 Stelle all’Ars Elena Pagana insieme alla collega Angela Foti a margine dell’audizione in commissione Attività produttive cui era stato invitato l’assessore regionale all’agricoltura Bandiera. L’audizione era stata convocata per fare il punto sulle questioni relative al biologico, sulle misure a superficie, sul piano zootecnico e sulla prossima riprogrammazione del Psr.

“Sono molto preoccupata – spiegava ancora la deputata Foti – perché lo strumento di pianificazione, così come hanno evidenziato Tar e Cga, mostra chiaramente i segni di una pesante incapacità da parte dell’Amministrazione di dare risposte concrete a chi produce reddito. Sono testimone di una programmazione a cavallo tra i due governi regionali, Crocetta e Musumeci e mi sento di affermare che i bandi sono stati utilizzati come strumento di propaganda politica e non come efficace leva per lo sviluppo di un’agricoltura sostenibile per il nostro territorio. A fronte del grande sforzo dei nostri imprenditori, non ritrovo la stessa serietà da parte di chi decide nella stanza dei bottoni, nello scrivere i bandi.

“Avrei voluto chiedere all’assessore Bandiera – aggiunge Elena Pagana – quale fosse la visione di agricoltura da parte della Regione Siciliana anche per la prossima programmazione. Il 25 giugno si riunirà il comitato di sorveglianza e noi – conclude – abbiamo già richiesto che l’assessore per l’agricoltura venga a riferire subito in Commissione Ars su quanto è emerso”.

Ed effettivamente la risposta dell’assessore regionale Edy Bandiera non è mancata di arrivare. “Nessun rischio disimpegno somme per il Psr – ha evidenziato Bandiera -. La Sicilia si conferma tra le prime regioni d’Italia per la spesa relativa al Psr con il 95% del Programma già impegnato (vale a dire 2 miliardi e 77 milioni) e oltre 642 milioni di euro già erogati ai beneficiari, per una percentuale del Programma pari a circa il 30%, dati aggiornati a giugno 2019. Mi chiedo piuttosto – ha continuato l’assessore – dove fossero le deputate, in particolare la Foti, presente nella precedente legislatura, nei cinque anni del Governo Crocetta, quando venivano compiute le scelte oggi oggetto di critica, posto che nel loro comunicato, di fatto, si legge una non condivisione forte e sostanziale verso tutte le scelte compiute da quel Governo. Abbiamo ereditato una programmazione già definita e con ciò, raschiando il fondo del barile, abbiamo messo in campo misure attese dagli agricoltori, come viabilità rurale e il biologico. Soltanto nel primo semestre del 2019 abbiamo pubblicato 17 bandi per oltre 128 milioni di euro e abbiamo approvato 9 graduatorie definitive per 363 milioni di euro”.

Edy Bandiera scende nel dettaglio delle misure. “Per quanto attiene la 4.1 del Psr Sicilia, com’è noto, è giunta ad approvazione di graduatoria definitiva. Misura per la quale, col bando originario, che abbiamo ereditato, erano stati stanziati 100 milioni di euro. Nonostante i numerosi contenziosi ereditati, per i quali si attendono ancora gli esiti, attraverso un’intensa attività, abbiamo iniziato ad emettere i primi decreti di finanziamento. Nel frattempo, vista l’importanza della misura, si è ritenuto di procedere con un nuovo bando, più aderente alle esigenze dell’agricoltura siciliana, con un massimale tale che con i 40 milioni di euro disponibili, riusciremo a finanziare un numero considerevole di aziende.

Per quanto concerne invece la Misura 10.1 B “Metodi di gestione delle aziende ecosostenibili”, è stato messo a bando quanto previsto dal piano finanziario del Programma.

L’assessore regionale all’Agricoltura ha fatto infine sapere che, già dalla prossima seduta della Commissione, è disponibile ad un confronto ampio e trasparente.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684